Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dossier WWF, ogni 43 minuti un reato contro l’ambiente

Più informazioni su

Genova. E’ stato presentato oggi il dossier “Guardie…& Ladri di Natura – Viaggio nell’Altra Italia che difende i Beni comuni”, da cui emerge che in Italia, ogni 43 minuti viene commesso uno dei tanti reati ambientali, come il bracconaggio, la pesca di frodo, discariche e cavi illegali, incendi, inquinamento, abusivismo edilizio, maltrattamento e abbandono di animali.

Da una recente ricerca risulta che il 56% degli italiani ha dichiarato che ogni cittadino dovrebbe fare concretamente di più per l’ambiente, a prescindere dalle politiche di Stati e Governi (fonte SWG), le 300 guardie WWF rappresentano un vero e proprio ‘esercito’ volontario, rigorosamente disarmato ma con il titolo a tutti gli effetti di Pubblico Ufficiale, di cui tutti possono diventare parte dopo un’apposita selezione e formazione (requisiti e contatti su www.wwf.it/vigilanza***): 50 nuclei per 15 regioni, dal Piemonte alla Sicilia, che da 25 anni prestano il proprio impegno per complessivamente 55mila ore di servizio l’anno (145 al giorno complessive), collaborando fianco a fianco con le forze dell’ordine e contribuendo concretamente alle battaglie quotidiane che hanno segnato negli anni la storia del nostro territorio.

Il corso di formazione per Guardie Particolari Giurate volontarie della Sezione Ligure del WWF ITALIA nei settori della tutela dell’ambiente e della fauna selvatica inizierà ufficialmente Sabato 2 Febbraio 2013 presso la Sede della Sezione WWF Liguria in Vico Casana, 9/3 con un incontro di presentazione dell’attività alla presenza del Dirigente del Servizio di Polizia Provinciale di Genova Dott.ssa Francesca Bellenzier alle ore 15.00.

In occasione dell’inaugurazione verranno proiettate immagini inerenti l’attività della Polizia Provinciale di Genova e delle Guardie Particolari Giurate volontarie del WWF Italia impegnate nelle loro attività e nei campi antibracconaggio svolti nelle Valli Bresciane, a Salerno e sull’Isola di Ischia. In Provincia di Genova il servizio delle Guardie Particolari Giurate della Sezione del WWF Italia à attivo da oltre 30 anni.

Dalle testimonianze delle Guardie volontarie WWF, raccolte nella seconda parte del dossier, emergono alcuni casi, particolarmente eclatanti e significativi, che fotografano in Italia non solo una vasta gamma di reati ambientali ma anche alcuni interessanti fenomeni di carattere sociologico. Tra questi, il cosiddetto turismo ‘venatorio’ che porta diversi cacciatori padani, estimatori della cosiddetta ‘polenta e osei’, a spostarsi dalle regioni del Nord Italia in Calabria per cacciare illegalmente migliaia di uccelli da mangiare in alberghi e ristoranti complici di questo ‘rituale padano’ con cui i giovani sono chiamati a dare prova della loro capacità venatoria.

Tra i risultati positivi ottenuti in Liguria, l’aver smascherato la cattura di uccelli selvatici con la falsa scusa dello scopo scientifico e l’aver attivato per primi un sistema telematico per l’invio della notizia di reato alla Procura della Repubblica che sarà poi esteso a tutto il territorio nazionale.