Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione 2011, arrivano i fondi raccolti da Anci. Crivello: “Sirene e pluviometri per la sicurezza dei genovesi”

Genova. Trentacinquemila euro raccolti da Anci per la Liguria alluvionata. “L’aiuto proviene da consiglieri e assessori da tutta Italia che hanno raccolto la somma – ha spiegato Pierluigi Vinai, segretario Anci Liguria – oggi decideremo come assegnarli sul territorio ligure, tenendo conto che quelle due maledette settimane del 2011 hanno colpito, nel complesso, 29 comuni. Vedremo come ripartire i fondi”.

alluvione 2011 esondazione Fereggiano

Parte di questi fondi arriveranno anche a Genova. “Abbiamo apprezzato molto che Anci nazionale abbia accolto la proposta del nostro sindaco – ha commentato l’assessore alla Protezione Civile Gianni Crivello – Oltre all’aspetto economico si tratta di un contributo politico importante, è la solidarietà dei Comuni verso Genova, città che ha subito e ha ancora ferite aperte”.

E Tursi ha già in mente come investirli: grande infrastrutture a parte, dove con il piano delle città “stiamo cercando di avviare il percorso per scolmatore Fereggiano”, ma nel contempo resta fondamentale “comunicare alla città quando un particolare evento mette a discapito la sicurezza del territorio”. Su questo “vogliamo lavorare: i bacini della città a rischio sono molteplici, pensiamo a pluviometri, sensori e sirene per far mettere i cittadini al sicuro in pochi minuti”.

Infine una nota polemica. “Anci nazionale ha voluto rilevare chiaramente che non si può andare avanti così – ha chiosato Vinai – non è possibile che ai Comuni siano lasciate tutte le incombenze senza risorse per affrontare le emergenze, non è un modo corretto di procedere”.
“Abbiamo dei sindaci che subiscono addirittura denunce penali per scuole che devono essere messe a norma, ma il patto di stabilità non lo consente – ha concluso il segretario Anci – siamo alla follia totale eppure i parlamentari non intervengono”.