Quantcast

Scuola della Schiena di Chiavari, per i residenti si riduce la tariffa

chiavari

Chiavari. Arriva la riduzione delle tariffe per la Scuola della Schiena del Comune di Chiavari, progetto promosso dagli assessorati ai Servizi sociali, Sanità e Pubblica Istruzione per prevenire patologie della colonna vertebrale.

Ad annunciare la novità, decisa con delibera di giunta adottata in mattinata, sono il vicesindaco Pierluigi Piombo e l’assessore al Sociale Fiammetta Maggio.

“Arriva una nuova tariffa per i residenti che non pagheranno più 30 euro ma solo 20. Questo risultato è stato possibile nonostante gli strettissimi vincoli della spending review – spiegano i due membri di giunta – Abbiamo analizzato la situazione e questo ci ha permesso di appurare che c’erano delle spese che non si possono più giustificare politicamente: sprechi decisi da chi ci ha preceduto e di cui noi non ci vogliamo rendere responsabili”

Come spiegano vicesindaco e assessore, è stata fatta un’accurata, attenta e corposa operazione di taglio agli sprechi.

“Si tratta di un dimagrimento delle spese che ci ha permesso di ridurre i costi per il Comune e quindi di abbassare le tariffe per i residenti. Abbiamo eliminato tutti i costi connessi alla pubblicità e alla promozione che avveniva con materiale cartaceo. Un aspetto ormai superato e che comunque comportava un esborso eccesivo”.

Altra decisione importante annunciata da Piombo e Maggio, è quella riguardante la razionalizzazione nel lavoro. “Dal mese di maggio abbiamo rimosso la figura di un impiegato adibito alla sola gestione delle pratiche connesse ai corsi. Si tratta di un lavoro che possono svolgere tranquillamente i nostri uffici degli affari sociali e che rappresentava veramente un eccesso di spesa non giustificabile e ci chiediamo perché la precedente amministrazione abbia scelto di sprecare così i soldi dei chiavaresi. Come secondo passo abbiamo deciso di non retribuire alle insegnati il lavoro che non sia quello del’insegnamento diretto. Prima venivano svolte mansioni non a contatto con chi si iscriveva ai corsi, per noi superflue e non giustificabili come spese, che comportavano un aggravio di costi per il Comune”.
Per i non residenti nel Comune di Chiavari la tariffa rimarrà invariata a 40 euro.