Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria-Bologna: le nostre pagelle

Sampdoria con l’uomo in più già al 4′. Serve un nuovo guizzo di Poli per portare a casa altri 3 punti.

Romero 6: il portiere argentino nei 90’ tocca giusto tre palloni. Blocca senza difficoltà il tiro di Gilardino nella ripresa, devia in angolo il destro di Gabbiadini nella ripresa e si supera su Konè. Garanzia.

Mustafi 6: il derby gli ha fatto bene. Il Bologna è in 10 sin dal 4’ e il giovane terzino viaggia su e giù per la fascia senza fermarsi mai. Fa fatica a crossare alto, gli riesce molto più facile servire i compagni a terra. Non è precisissimo. Pendolino.

Gastaldello 7: guida il pacchetto difensivo con la solita lucidità. Il Bologna cerca di pungere sfruttando i calci da fermo. Fa buona guardia senza mai correre grossi pericoli. Cerca gloria nella ripresa ma Agliardi è insuperabile. Puntuale.

Rossini 6,5: è tornato sui livelli di inizio stagione. Gli errori e le disattenzioni sembrano aver lasciato spazio a concretezza e precisione. È sempre al posto giusto nel momento giusto. Ritrovato.

Costa 6: nei primi minuti della gara Diamanti lo costringe a rintanarsi in difesa. Passano i minuti e comincia a macinare chilometri. Qualche buon cross, uno i questi si trasforma in un tiro che costringe Agliardi alla deviazione in calcio d’angolo. Camaleontico.

Munari 5,5: corre e si batte come un leone ma nonostante la superiorità numerica di cui gode la Sampdoria dal 4’ del primo tempo non riesce a ritagliarsi gli spazi necessari per rendersi pericoloso. Spaesato. Dal 1’ st Eder 6,5: gli bastano 15’ per confezionare l’assist per Poli che vale il vantaggio blucerchiato. È reduce da un infortunio, una ricaduta lo costringe ad abbandonare la contesa dopo meno di mezz’ora in campo. Sfortunato. Dal 27’ Tissone 6: entra subito in partita, cerca passaggi illuminanti e un gol da cineteca; il suo cucchiaio è fuori di pochissimo. Giocoliere.

Maresca 6: gioca fisso davanti alla difesa. Tocca mille palloni, non li gestisce tutti come dovrebbe. Sempre pronto nell’aiutare i compagni della retroguardia, si affida alle punizione per rimpinguare il bottino blucerchiato. Regista.

Obiang 6,5: il tiro dalla distanza non è il pezzo forte della casa. Il centrocampista spagnolo si fa apprezzare per la gran quantità di palloni sradicati dai piedi degli avversari, l’intensità di gioco e la grinta. Gladiatore.

Poli 6,5: ci ha preso gusto, segnare gli piace eccome. Dopo il gol nel derby arriva anche la perla che regala altri 3 punti alla Sampdoria. Non è la miglior partita della sua carriera ma il successo sul Bologna porta la sua griffe. Stremato viene richiamato in panchina a 10’ dalla fine. Decisivo. Dal 35’st Soriano: dribbling e freddezza glaciale, cerca e trova sempre la giocata più intelligente. Il ragazzo sta maturando. Iceberg.

Krsticic 6: Un grande inizio, fatto di inuizione e passaggi illuminanti. Non è un fenomeno ma gestisce ogni pallone con grande cura e attenzione. Ripaga la fiducia concessagli da Ferrara. Lucido.

Icardi 6,5: la prestazione del derby rimarrà nei libri di storia. Contro il Bologna risulta meno decisivo ma ha il merito e la capacità di far salire la squadra per consentirle di sfruttare gli inserimenti dei centrocampisti. Bella il duello con Sorensen. Astro nascente.