Quantcast

Rapallo, il sindaco Costa: “Una via dedicata a Walt Disney”

giorgio costa

Rapallo. I fumetti entrano nella toponomastica di Rapallo con una via o una piazzetta dedicata a Walt Disney. Lo ha annunciato in serata il sindaco Giorgio Costa consegnando, in serata, il premio U Giancu al disegnatore Antonio Canale alla Mostra Internazionale dei Cartoonist, patrocinata dalla Regione Liguria, aperta nell’antico Castello sul mare fino domenica 25 novembre.

La mostra compie 40 anni e festeggia i 60 anni di carriera dello sceneggiatore Carlo Chendi, con le sue 20 mila pagine di storie di Paperino, Topolino, Pepito, Whisky & Gogo , Pon Pon , la storia di “Zio Paperone mecenate per forza”, con i disegni di Giorgio Cavazzano, ( un milione di copie del “Topolino” numero 1964 del 1993) e i 20 anni del Premio U Giancu, creato dal suo patron Fausto Oneto nel museo-ristorante nella frazione rapallese di San Massimo.

“Grazie ai cartoonist di casa nostra, agli artisti come Luciano Bottaro, Carlo Chendi e Giorgio Rebuffi, il nome di Rapallo ha fatto il giro del mondo, è ora di ricordarlo ufficialmente”, ha detto il sindaco. Costa ha anche anticipato che anche il comune di Rapallo aderirà, dopo la sottoscrizione della Regione Liguria con l’assessore alla Cultura Angelo Berlangieri, all’appello per far riconoscere dalla presidenze del Consiglio dei Ministri il sostegno della Legge Bacchelli al fumettista genovese Renzo Calegari in difficoltà economiche e umane.

Al premio nella sala de U Giancu, tappezzata di disegni originali di Quino, Luzzati, Altan, Walker, Altan, Reg Smythe, Aragones, Tranchand, Dumas, Faure, Costantini, Schulz, Sagendorf, Corteggiani, Bonvi, Pratt. E ancora: Galeppini, Caniff, Silver, Gattia, Barks, Bercovici, Mordillo, Manara, Ketcman e molti altri, l’associazione culturale “Rapalloonia!,” ha festeggiato anche i 30 anni di “Martin Mystere” con il il suo autore Alfredo Castelli.

Presente anche il disegnatore di Cattivik Massimo Bonfatti con l’iniziativa “100 fumettisti per 100 mattoni” a sostegno dei terremotati dell’Emilia. Metafora della ricostruzione, comprando un mattone d’autore sarà possibile dare una mano alle popolazioni dei centri colpiti dal sisma.