Politica

#primariamente, cinque domande per scoprire i candidati: ambiente, Chiesa e lavoro le più cliccate

primariamente

Genova. Ambiente, Lavoro, Europa, Rapporti con la Chiesa e Istruzione. Sono queste le cinque domande scelte dal popolo di Facebook per PrimariaMente, l’evento organizzato dai Giovani Democratici (circoli Centro Ovest e Medio Ponente) per “scoprire” i candidati delle prossime primarie.

L’appuntamento è stasera, nella sala del Cap di via Albertazzi a Genova, con inizio alle 20.30: i candidati, non direttamente i “Fantastici 5″, ma i rappresentanti dei comitati locali, avranno 4 minuti per rispondere e poi tre minuti per l’appello al voto.

Ospiti dell’incontro saranno il vicesindaco del Comune di Genova, Stefano Bernini per il comitato di Pierluigi Bersani, Michela Tassistro, ex consigliere comunale, per la candidatura di Laura Puppato, Enrico Ivaldi, ex consigliere comunale per Matteo Renzi, e il segretario provinciale di Sel, Antonello Sotgiu, per la candidatura di Nichi Vendola. “Purtroppo non sarà possibile avere nessun rappresentante per il candidato indipendente Bruno Tabacci”, fanno sapere i giovani del Pd.

Da oltre due settimane la pagina Facebook dell’evento “PrimarieMente” , oltre a pubblicare quotidianamente contenuti satirici e storici sulle primarie, ha selezionato le domande da porre ai portavoce dei candidati. I followers della pagina ne hanno votato cinque su tredici scegliendo tra dodici temi diversi, mettendo “mi piace” su di esse. Le cinque domande più votate sono: ambiente (con particolare riferimento alla tutela del territorio, tema molto sensibile nella martoriata Liguria), lavoro (vedi alla voce Ilva), l’Europa intesa come Stati Uniti d’Europa, così come vuole il centrosinistra, il rapporto con la Chiesa (vedi alla voce Imu), e l’Istruzione del futuro.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.