Cronaca

Pedopornografia, scoperto mega archivio, arresti e perquisizioni anche in Liguria

PC tastiera computer

Salerno. Coinvolgono anche la Liguria le ordinanze di custodia cautelare e le perquisizioni in corso dalla polizia postale campana, su richiesta del pubblico ministero della Procura distrettuale di Salerno, Francesca Fittipaldi, per le ipotesi di reato di associazione per delinquere e divulgazione di materiale pedopornografico.

Le ordinanze, che hanno fatto scattare arresti e perquisizioni oltre che in Liguria anche in Campania, Lazio, Umbria, Piemonte, Lombardia e Veneto, sono state emesse dal Gip di Salerno Renata Sessa. L’inchiesta della polizia postale per la Campania è scattata sulla base della segnalazione di un utente privato.

Gli investigatori hanno scoperto un gruppo di persone insospettabili che si scambiava e divulgava materiale pedopornografico con particolare riguardo a materiale inedito di grande crudezza.

Un archivio, con oltre 5 milioni di file di immagini e video pedopornografici, è stato scoperto dalla polizia postale per la Campania. L’archivio, secondo quanto accertato dagli investigatori, era utilizzato da un’associazione per delinquere che operava sul Deep web (il web invisibile, non indicizzato dai comuni motori di ricerca) sfruttando l’anonimato garantito da questa sottorete.

leggi anche
polizia postale
Operazione cucciol@
Pedopornografia, operazione internazionale: un genovese tra i 12 “insospettabili”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.