Quantcast

Medicina, l’Ateneo genovese conferisce la Laurea Honoris Causa al professor Parodi, domani la cerimonia

Genova. L’Università di Genova conferirà domani la Laurea Honoris Causa al professor Juan Carlos Parodi per il contributo scientifico, professionale, umano e morale dato allo sviluppo della Chirurgia Generale.

Il Professor Parodi, nato in Argentina nel quartiere di Boca da genitori di origine genovese, è stato l’autore di una rivoluzione straordinaria nel campo della Chirurgia Vascolare: egli è infatti l’ideatore delle endoprotesi vascolari, in particolare per gli aneurismi dell’aorta addominale, da lui stesso non solo inventate, ma costruite e sperimentate in prima persona. Quando cominciò a
lavorare a questo progetto dichiarò: “Prevedo un giorno in cui un paziente affetto da Aneurisma entrerà in una stanza e dopo dieci minuti uscirà con un cerotto sull’inguine e con l’aneurisma
escluso dalla circolazione”.

Creò così le condizioni perché molti pazienti considerati inadatti all’intervento chirurgico e pertanto condannati a convivere con la patologia vascolare, potessero invece essere trattati e curati.

“Il riconoscimento che l’Ateneo ha l’onore di porgere a una personalità che con il suo straordinario operato contribuisce a tenere alto nel mondo il nome della città che ha dato i natali
alla sua famiglia – afferma il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia Roberta Fiocca – corona in modo esemplare i festeggiamenti per i cinquecento anni di insegnamento medico a Genova”.

La figura e l’attività scientifica del candidato saranno presentati dal prof. Domenico Palombo, Docente di Chirurgia vascolare, che afferma: “ Il Prof. Parodi è un innovatore, una mente incapace di smettere di porsi nuove domande, ed una mente medica, anche e perciò orientata all’indagine e alla cura di ciò che affligge qualsiasi essere umano, in qualsiasi luogo ed epoca: la malattia”.

“EVAR: a journey and the start of a devolution”: questo il titolo della lectio magistralis del prof. Parodi. La cerimonia si terrà domani alle 18 nell’Aula Magna di via Balbi 5.