Quantcast
Economia

Finmeccanica, lavoratori e politici in presidio contro la cessione di Ansaldo Energia

Ansaldo

Genova. Il Pd scende in piazza per difendere il futuro industriale di Genova, questo pomeriggio alle 17.30 si terrà un presidio con i lavoratori davanti alla Prefettura.

“Vogliamo dare un segnale forte, siamo contrari alla cessione del settore civile da parte di Finmeccanica – aveva affermato Giovanni Lunardon, segretario provinciale del Pd, nell’ambito di un incontro sulle problematiche industriali genovesi – Tutti i paesi normali tranne il nostro, decidono di investire in settori strategici per l’economia come l’energia e i trasporti e invece da noi si decide il contrario, ovvero di cedere quei settori che vengono considerati non strategici”.

“Andremo davanti alla Prefettura e abbiamo chiesto un incontro al Prefetto affinchè rappresenti il nostro punto di vista davanti al Governo. Lo facciamo con molta determinazione perchè entro dicembre il consiglio d’amministrazione di Finmeccanica provvederà a dare corso alle vendite e noi pensiamo che invece sia necessario fermarsi un attimo e tornare a ragionare”.

Sulla questione Finmeccanica il Pd ha chiamato in causa il Governo, affinchè “faccia il suo dovere e batta un colpo” confidando in una “rapida presa di posizione circa le recenti dichiarazioni del Direttore Generale di Finmeccanica sulla prossima cessione delle attività del settore civile”.

A tal proposito i deputati liguri del Pd hanno presentato una interrogazione ai Ministri competenti.

“Riteniamo sia doveroso – spiega Mario Tullo, coordinatore parlamentari PD Liguri – che a questo punto i Ministri competenti riferiscano con chiarezza sulle decisioni che il Governo intende assumere.
Alla luce di questo quadro siamo convinti abbia ancora più urgenza accordare la convocazione di un tavolo di confronto tra Finmeccanica e rappresentanti delle organizzazioni sindacali come già richiesto trasversalmente da tutti i parlamentari liguri che hanno aderito all’appello che abbiamo promosso come PD ligure”.