Quantcast
Politica

Doria sulla Gronda: “Serve un esame approfondito di ciò che serve a Genova in una prospettiva di sviluppo sostenibile”

marco doria

Genova. Dopo le dichiarazioni di alcuni membri della maggioranza di Tursi, e in particolare dei consiglieri di Sel e Fds che hanno minacciato lo strappo se il progetto Gronda venisse approvato, il sindaco Doria ha deciso di intervenire con una nota su un tema che sembra essere destinato a segnare il destino della sua Giunta.

“Gli ultimi pronunciamenti di forze della maggioranza di centrosinistra che sostiene la giunta comunale – ha detto il sindaco – richiedono un chiarimento sul metodo e nel merito delle questioni sollevate, relative alla gronda e più in generale alla visione sul futuro della nostra città”.

“Ritengo che le diverse forze della coalizione di centrosinistra che ha ottenuto il consenso della maggioranza degli elettori alle amministrative di maggio – spiega Doria – abbiano molte motivazioni positive per governare Genova in un momento complesso come quello che stiamo attraversando. Credo che di ciò siano convinti i tanti cittadini che ci hanno espresso la loro fiducia con il voto, cittadini interessati ai fatti e alla capacità di operare concretamente dell’amministrazione comunale. Credo pertanto che sia giusto, opportuno e necessario ricondurre sempre il confronto tra le legittime posizioni di merito all’interno di un dibattito tra le forze di maggioranza. Questo è anche uno degli impegni che sono stati assunti al momento delle elezioni di fronte ai genovesi.

“Sulla questione gronda – ha concluso il sindaco – è in primo luogo evidente che il Comune di Genova si muove nel pieno rispetto delle procedure previste dalle leggi. I tempi della Valutazione di Impatto Ambientale non escludono comunque approfondimenti e riflessioni ulteriori. Gli strumenti di partecipazione esistenti devono funzionare al meglio, così com’è giusto favorire ancora un esame approfondito e critico di quanto, in tema di infrastrutture e collegamenti, serve a Genova, alla sua economia, al suo territorio in una prospettiva di sviluppo sostenibile e ambientalmente compatibile”.