Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dispersione scolastica al 16,2% in Liguria, la Regione lancia tre bandi da 1,5 mln foto

Liguria. Tre bandi contro la dispersione scolastica per un totale di 1,5 milioni di euro nell’ambito dei finanziamenti del fondo sociale europeo per il piano giovani. Partiranno a febbraio del 2013 e saranno indirizzati agli istituti professionali, dove un terzo dei ragazzi si dirigono dopo un fallimento scolastico, uno per le associazioni che si occupano delle persone già disperse e uno per conoscere il fenomeno dei Neet, i ragazzi che sono fuori dalla scuola e dal lavoro.

convegno dispersione scolastica 2

Li ha annunciati questa mattina l’assessore regionale al bilancio e alla formazione, Pippo Rossetti nell’ambito del seminario sulla dispersione scolastica presso il teatro della Gioventù di Genova rivolto agli assessori alla scuola dei Comuni liguri e ai dirigenti scolastici, a cui ha preso parte, tra gli altri, anche il vice provveditore dell’ufficio scolastico regionale della Liguria, Sara Pagano.

Aumenta infatti di quattro punti, passando, in un anno dal 12,4% del 2009 al 16,2% del 2010, la percentuale dei giovani che abbandonano la scuola dell’obbligo in Liguria. Dati ufficiali Istat in controtendenza nel Nord-Ovest, che preoccupano la Regione Liguria. In particolare, la dispersione scolastica in Liguria segna un 16,5% nella scuola secondaria di secondo grado, un 16% nel comparto della formazione professionale e un 29,3 % negli istituti professionali. In tutto 4 mila studenti che hanno lasciato la scuola.

Anche se si tratta di stime campionarie, con margini di errore statistico, “siamo tuttavia di fronte a un campanello d’allarme. Dobbiamo comprendere più a fondo il fenomeno e mettere in atto efficaci contromisure”, risponde l’assessore all’Istruzione Pippo Rossetti. “E a questo proposito – dice Rossetti – utilizzeremo anche il Salone Orientamenti – ABCD che partirà mercoledì prossimo il 14 novembre fino a Venerdì 16 negli spazi della Fiera del Mare di Genova, dove insieme agli Enti di formazione professionale, alle scuole e alle imprese cercheremo di portare avanti un’azione di orientamento rivolta alle scuole medie e superiori non solo attraverso processi di informazione, ma anche di conoscenza delle varie specificità di ciascuna scuola”.

Per contenere la dispersione scolastica la Regione Liguria ha svolto anche una ricerca sui ragazzi di terza media e sulle scuole professionali liguri che hanno avuto problemi di fuoriuscita dei ragazzi da cui è emerso che il rischio dispersione è sensibilmente più elevato negli istituti professionali rispetto alle scuole medie. “Dobbiamo potenziare l’orientamento – ha detto Rossetti – per questo la Regione Liguria affiancherà le scuole e le Province per costruire un sistema che aiuti le famiglie ed evitare di relegare, davvero ingiustamente, la scuola professionale in serie B, mentre è proprio da lì che nascono le piccole imprese artigiane che sono l’ossatura della nostra economia”.