Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Disagi a Genova Ovest per il presidio dei lavoratori Pavimental e Spea, bloccato il casello

Genova. Agg. ore 11.40: Le rampe di accesso e uscita dal casello di Genova ovest sono state riaperte.

Problemi di viabilità a Genova Sampierdarena per via del presidio dei lavoratori Pavimental e Spea, in concomitanza con lo sciopero, davanti alla sede di Autostrade per l’Italia in piazzale Camionale (entrata casello Genova Ovest).

Al momento si registrano disagi in prossimità del casello di Genova Ovest, sono infatti chiuse le rampe di accesso e di uscita dal casello per Sampierdarena.

Lo sciopero è stato indetto dalle Segreterie Nazionali Feneal, Filca, Fillea e dalla Rsu delle società Pavimental e Spea che respingono le soluzioni proposte dalle due Direzioni e coordinate dal Controllante Aspi (Autostrade per l’Italia) per affrontare gli effetti del calo degli investimenti previsti per il 2012 ed il 2014 a causa della diminuzione del traffico autostradale e della lentezza eccessiva degli iter autorizzativi per i contratti per i lavori pubblici programmati – che per la nostra città significano i lavori della Gronda – e il conseguente processo di riorganizzazione produttiva annunciato.

A tal proposito chiedono a Pavimental di non dare seguito alla procedura di mobilità per 175 lavoratori distribuiti sul territorio nazionale (tra operai ed amministrativi di cantiere e di sede) così come anticipato. Oltre questo elenco si aggiungono i circa 160 lavoratori impegnati nelle “infrastrutture” che vedranno terminare i propri contratti di lavoro con la fine dei cantieri.

I sindacati chiedono a Spea di confermare i contratti a tempo determinato in scadenza entro la fine del corrente anno, evitando così una sorta di “licenziamento strisciante” di almeno 130 lavoratori; così come esprimono la propria contrarietà al progetto di internalizzazione, da parte di Aspi, della cosiddetta “vigilanza” (Utsa) oggi di competenza Spea.

A sostegno di tali richieste sono state proclamate 16 ore di sciopero, le prime 4 delle quali da svolgere il 12 novembre.