Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Da Sestri Ponente al centro cittadino: in tutta Genova è allarme per il “killer dei cani”

Genova. La vicenda corre in queste ultime ore sulle pagine della rete e lancia un serio allarme: a Genova si aggirerebbe un “killer di cani”.

Il capoluogo ligure non è purtroppo nuovo a questi terribili episodi di crudeltà verso gli animali: già nel 2010 si era parlato di un folle che disseminava polpette avvelenate per le vie di Carignano.

Ora è di nuovo allarme, ma su una scala ben più vasta. Episodi simili si sarebbero infatti verificati sia nella delegazione di Sestri Ponente, sia nel centro città, sulle alture di Castelletto.

Sui gruppi facebook che riuniscono gli abitanti di Sestri si può leggere il seguente avviso: “Ho perso la mia adorata CAGNOLINA – scrive Chiara – il referto dell’autopsia parla di VELENO PER TOPI. Non siamo in grado di dire se è stato assolutamente accidentale o se ha mangiato un’ esca messa di proposito. La zona in cui passeggiava era Via Ciro Menotti/Via Sestri, indicativamente tra Bagnara e via Monterotondo. Fate ATTENZIONE, per favore, ai vostri amici piccoli amici e, se notate qualcosa di sospetto, SEGNALATE! La mia famiglia ed io stiamo soffrendo tantissimo per la perdita della nostra piccola ed è un dolore che, davvero, non auguriamo a nessuno”.

Numerosi i messaggi di vicinanza ai padrni della cagnolina ed anche qulache ulteriore avviso. Scrive infatti Yvonne: “State attenti anche a Villa Rossi…tempo fa c’era un disgraziato che spargeva bocconcini avvelenati…maledetti!!!!!”.

Come se ciò non fosse sufficiente, scende in campo anche l’Enpa genovese. L’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali lancia l’allarme per via Carso: “Attenzione – scrive – polpette avvelenate. Già morti due cani”.

Si raccomanda ai possessori dei nostri amici a quattro zampe di prendere perciò tutte le possibili precauzioni, perché, come purtroppo ricorda su facebook Marina, “una delle principali cause di morte dei cani e gatti della nostra penisola è la presenza di bocconi avvelenati”.