Balduzzi a Genova, Pdl: “Gravissimo che non venga a vedere le conseguenze dei suoi tagli sui posti letto”

Matteo rosso pdl

Genova. Il ministro della Salute Renato Balduzzi è arrivato nel pomeriggio a Genova per la Giornata della Ricerca all’ospedale Galliera. A commentare la notizia il consigliere regionale del Pdl Matteo Rosso, medico e Vice Presidente della Commissione sanità della Regione che dichiara: “ben venga il Ministro in visita presso un grande ospedale di eccellenza come il Galliera, sarebbe però doveroso che venisse a vedere a Genova nel resto della regione cosa sta producendo sua politica sanitaria, che associata a scelte sbagliate di Montaldo, sta creando pesanti disagi ai cittadini ”.

“Se avesse avuto oggi l’umiltà di andare anche nei piccoli comuni della nostra regione si sarebbe reso conto delle necessità della nostra regione che è la più anziana d’Europa: queste persone hanno bisogno di assistenza sanitaria continua. Invece a Roma sono stati definiti parametri di taglio identici alle altre regioni dove la presenza di anziani, che sono coloro che maggiormente hanno bisogno di cure, è molto minore”.

“Spiace davvero dover prendere atto di questa lontananza del Ministro dai veri problemi sanitari della gente e scriverò una lettera a tutti i parlamentari liguri, affinchè, invece di accettare passivamente questi tagli della nostra Sanità facciano sentire la loro voce in Parlamento e dicano basta alla politica di questo Ministro. La Liguria non merita questo trattamento e questo Ministro”, conclude Matteo Rosso .

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.