Quantcast
Economia

Artigianato, moda e rete, “La Pina” (radio deejay): “Ora chiunque può vendere un bracciale in Giappone”

Genova. E’ cominciata ieri Stile Artigiano 2012, la kermesse dedicata alla moda, bellezza e benessere che animerà il Palazzo della Borsa di Genova con ospiti d’eccezione ed eventi fino a lunedì 19 novembre.

Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato, ha accolto con stupore (e ovviamente favore) le molte persone accorse ieri al Palazzo della Borsa.

“La risposta è stata eccezionale, da parte del pubblico, sala gremita, ma soprattutto una grande risposta dalle imprese. Ieri è stato commovente vedere persone di grande prestigio partecipare alle nostre passerelle, Fernanda Ponte ha sfilato a 77 anni, con un collier di un’impresa ligure, era la sua prima volta in una passerella. Poi hanno sfilato anche tutte le politiche regionali, questa è la politica che ci piace, attenta alle imprese”.

Durante queste giornate, si tornerà anche ai giorni dell’alluvione: “Io ho visto imprese capaci di rialzarsi dopo due mesi, questa è la forza di queste piccole imprese, domani daremo quattro assegni a quattro imprese ligure per dare un segnale”.

La giornata di oggi è stata caratterizzata dalla verve e dall’entusiasmo “della Zia Pina”, una delle voci più conosciute di Radio Deejay e fashion blogger.

“E’ cambiato il modo di raccontare la moda ed è cambiata anche la moda, come dire, il modo di raccontarlo era molto sotto controllo, invece la moda è della gente. Adesso raggiunge tutti, è della gente e chiunque si può fare critico, la distribuzione di massa è ora di alto livello e quindi ognuno può vestirla e parlarne. Tra quelli che ne parlano ce ne sono alcuni più bravi, che riescono ad avere un seguito in rete e che alla fine meritano di sedere nelle prime file delle grandi sfilate di moda”.

“La Pina” racconta la sua storia da fashion blogger, che l’ha portata ad essere tra le più influenti in Italia: “La mia attitudine alla moda è “tutta sbagliata” e per questo ho così chiamato il mio blog, e dato che faccio la mia rubrica radiofonica con Anna Dello Russo che è una delle principali fashion blogger del paese, che invece è tutta giusta, un solo marchio addosso … io ho voluto contrapporre il mio punto di vista e trovare la mia chiave di interpretazione delle cose, il mio blog introduce anche le cose fatte dai miei ascoltatori e ascoltatrici, non solo le grandi firme”.

Questo modo di fare le cose, favorisce eccome l’artigianato, anche quello piccolo: “Noi favoriamo l’e-commerce senza avere settorialità e localizzazione geografica, le cose sono spalmate su tutto il mondo, non solo in Italia, questa è la scommessa perché un piccolo braccialetto può essere comprato da chiunque”.

La kermesse continua.

Più informazioni