Quantcast

Villa Scassi, raccolta di sangue organizzata da Asl3 e Coordinamento ligure donne latinoamericane

Genova. Asl3, in collaborazione con il Coordinamento Ligure Donne Latinoamericane Co.Li.Do.Lat., quest’anno anticipa alla seconda domenica del mese, ovvero il prossimo 14 ottobre, l’appuntamento con la consueta raccolta di sangue in programma gli anni scorsi all’ospedale Villa Scassi la terza domenica del mese, in occasione dell’anniversario della scoperta dell’America.

Per compiere questo importante gesto di solidarietà e senso civico, aperto a persone di ogni nazionalità, occorrerà recarsi domenica prossima, 14 ottobre, dalle 8.30 alle 11.30 presso il Centro trasfusionale del Villa Scassi, afferente alla S.C. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale diretta dal dott. Giampaolo Cagetti. La donazione, per coloro che hanno mai donato, sarà preceduta da brevi analisi di routine preliminari e sarà seguita da una ricca colazione offerta da Co.Li.Do.Lat. a tutti i donatori.

L’invecchiamento della popolazione italiana e la presenza di un numero crescente di popolazione straniera rende evidente come sia necessario coinvolgere una sempre maggiore quantità di donatori non nati in Italia per far fronte alle necessità trasfusionali dei pazienti, anche stranieri, bisognosi di cure e assistenza sul nostro territorio.

Poiché, infatti, si deve garantire l’approvvigionamento di prodotti sanguigni compatibili con la totalità della popolazione da curare è importante la partecipazione alla donazione di sangue da parte degli individui originari delle zone nelle quali esiste un polimorfismo specifico, considerando che trovare nella popolazione generale donatori compatibili con queste persone è a volte molto difficile.

Questa problematica si accentua ancora più drammaticamente per quanto riguarda il trapianto di cellule staminali emopoietiche (midollo) per pazienti appartenenti a diversi gruppi etnici. A tal fine la maggior facilità nella donazione del sangue cordonale rispetto a quella del midollo osseo potrebbe facilitare il reperimento di cellule staminali compatibili.

Proprio per sensibilizzare le donne appartenenti alla comunità sudamericana e non solo sull’importanza della donazione del cordone ombelicale, al fine di aumentare la possibilità per i pazienti appartenenti a tali comunità di poter essere sottoposti al trapianto di midollo, nella mattinata di domenica 14 sarà anche possibile ottenere informazioni e delucidazioni sulle finalità e modalità di questo tipo di donazione al dott. Cagetti e al dott. Gabriele Vallerino, Direttore della S.C. Ostetricia e Ginecologia di Asl3.

L’iniziativa ha anche una forte valenza sociale, oltre che sanitaria, proprio perché rappresenta un’occasione importante di condivisione e incontro fra persone di diversa nazionalità, in grado di creare una forte consapevolezza di appartenenza sociale anche in un territorio diverso dal proprio Paese di origine.

Asl3 ringrazia Co.Li.Do.Lat., e in particolare la sua Presidente signora Graciela Del Pino, per la disponibilità e il costante impegno nell’ottica di prevenzione e promozione della salute nella popolazione latinoamericana presente a Genova.

Più informazioni