Quantcast
Cronaca

Santa Margherita, Vesco soddisfatto dopo il sopralluogo alla stazione: “Trenitalia e Rfi hanno rispettato gli impegni”

Santa Margherita Ligure. “Rfi e Trenitalia hanno rispettato gli impegni assunti con il Comune di Santa Margherita, con la Regione e gli utenti ferroviari della stazione. La ristrutturazione è stata compiuta, ora mancano solo gli ultimi interventi per procedere alla chiusura dell’area interna della stazione nelle ore notturne. Accogliamo positivamente anche l’impegno espresso da RFI di procedere con uno studio di fattibilità per la realizzazione di un ascensore in grado di rimuovere le barriere architettoniche per molti turisti”.

Dopo il terzo sopralluogo effettuato dall’assessore ai trasporti della Regione Liguria, Enrico Vesco presso la stazione di Santa Margherita alla presenza dell’assessore comunale ai servizi sociali, Maurizio Tuseo e del direttore regionale di Rfi, Calogero Di Venuta, giunge al termine l’annosa vicenda per risolvere il problema del degrado della stazione che costituisce una porta di accesso al borgo di Portofino e al territorio circostante.

Rfi si era impegnata a effettuare un’opera di manutenzione dell’atrio e della sala di attesa, oltre ad un’opera di pulizia radicale e tinteggiatura dei servizi igienici. “Interventi – ha sottolineato l’assessore regionale ai trasporti – che sono stati effettuati, congiuntamente con l’avvio della revisione della pensilina sul secondo binario che si concluderà entro 20 giorni. Parallelamente al posizionamento delle nuove targhe con la scritta Santa Margherita Ligure – Portofino”.

Posizionate inoltre le due emettitrici automatiche di biglietti, di cui una sul primo binario, per consentire di prendere il treno anche nelle ore notturne, dopo le 20 e fino alle 6.30, quando la stazione verrà chiusa per questioni di sicurezza e la biglietteria non sarà operativa. “Valutiamo molto positivamente – ha concluso l’assessore Vesco – la disponibilità manifestata da Rfi di effettuare uno studio di fattibilità per un ascensore, in grado di collegare il secondo binario con l’uscita e ci impegneremo con Trenitalia nazionale per farlo inserire nei piani di finanziamento”.