Santa Margherita, la stazione ferroviaria si rifà il look, il sindaco: "C'è ancora da lavorare" - Genova 24

Santa Margherita, la stazione ferroviaria si rifà il look, il sindaco: “C’è ancora da lavorare”

roberto de marchi sindaco santa margherita ligure

Santa Margherita Ligure. Ha avuto esito positivo il sopralluogo di questa mattina dell’amministrazione comunale di Santa Margherita e della Regione Liguria per verificare le condizioni della stazione ferroviaria della cittadina. L’assessore regionale ai Trasporti Enrico Vesco non ha potuto essere presente all’incontro di verifica.

La stazione ora regala ben altro colpo d’occhio rispetto ad alcuni mesi fa grazie all’atrio ritinteggiato, al pari delle sale d’attesa, le nuove biglietterie automatiche e le nuove obliteratrici, le nuove panchine e i nuovi estrattori d’aria nei bagni, ora custoditi da un operatore che beneficia di una borsa lavoro assegnata dai servizi sociali del Comune.

La presenza di una biglietteria automatica esterna, unita alla manutenzione dei serramenti, consentirà a breve la chiusura delle parti interne negli orari notturni, salvaguardando il decoro della stazione dagli usi impropri e permettendo ai pendolari di ritrovarla, la mattina, in condizioni ottimali.

L’assessore comunale Andrea Bernardin ha ringraziato lo stesso Vesco per essersi fatto garante degli accordi presi con Reti Ferroviarie Italiane, mentre il sindaco Roberto De Marchi, soddisfatto del sopralluogo, ha nondimeno rimarcato problemi strutturali: “Penso all’annoso problema delle barriere architettoniche e all’ assenza di un montacarichi a corredo delle scale, che rende improbo il trasporto dei bagagli a chi scende sul terzo binario. Ma anche alla pulizia dei binari morti, che è di competenza di RFI e che forse non viene effettuata con cadenze ottimali, viste la presenza di rifiuti e le segnalazioni di degrado che giungono in Comune”.

Il Sindaco ha inoltre sottolineato come il motore di ricerca di Trenitalia non sia ottimizzato per la denominazione Santa Margherita Ligure, e come sia di fatto impossibile conoscere gli orari dei treni in partenza o in arrivo nella “Perla del Tigullio” attraverso il sito internet del Gruppo. Accade infatti che, per indicare la località come stazione di riferimento, la dicitura da inserire sia “San Margherita Ligure” o, in alternativa, Portofino.

“E’ un problema sia d’immagine che di sostanza, stante l’uso che oggi si fa dei dispositivi tecnologici per l’accesso alle informazioni. Confido che Ferrovie dello Stato vorrà adeguare il programma in tempi rapidissimi”.