Quantcast

Salute: autolesionismo una tendenza tra i giovani

Tagli, bruciature, graffi o morsi auto-inflitte: gli adolescenti si auto feriscono per manifestare la propria angoscia e sofferenza. E’ quanto osservato dal pedagogista e psicanalista Martin Gauthier.

Non se ne capisce quasi il perché, da profani, ma quella che potrebbe essere una patologia di natura psichica di massa, pare una tendenza che sta dilagando, una sorta di moda: l’auto-mutilazione.

Sarà una scusa quella di emulare i vip specie nel campo del cinema e della musica fra tutti Johnny Depp, Angelina Jolie e Amy Winehouse che in passato hanno già confessato di essersi auto-mutilati, ma è evidente che anche a detta di autorevoli psichiatri è un modo dei giovani per esprimere e manifestare le proprie angosce e sofferenze.

Alcune ricerche sono arrivate a stabilire che ben un ragazzo su sei ha effettuato almeno una volta un episodio di auto-ferimento.

Come al solito, ricorda Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, tocca ai genitori cercare di aiutare i propri figli a superare le proprie angosce appena le evidenziano ma è evidente che quando si arriva a tali manifestazioni il ricorso ad uno psicoterapeuta può evitare eventi e conseguenze ben peggiori.