Salone Nautico, la nave scuola Amerigo Vespucci e il veliero Maltese Falcon sfilano a Genova - Genova 24

Salone Nautico, la nave scuola Amerigo Vespucci e il veliero Maltese Falcon sfilano a Genova

Genova. Sfileranno domani, nella giornata inaugurale della 52° edizione del Salone Nautico Internazionale la nave scuola Amerigo Vespucci, simbolo storico della marineria italiana e la più moderna nave a vela d’Italia: il Maltese Falcon dei Cantieri Perini.

Le due navi sfileranno domani davanti al quartiere fieristico durante la cerimonia inaugurale, tra le 10 e le 11.

I numeri di Nave Vespucci parlano chiaro: 101 metri fuori tutto bompresso compreso, 16 metri di larghezza, 3.700 tonnellate di dislocamento, tre alberi, 2.800 mq di velatura con 24 vele, altezza dell’albero di maestra 54 metri e 270 uomini di equipaggio necessari a manovrare la più anziana e la più ammirata tra le unità della Marina Militare italiana.

Il Veliero ha appena concluso la 78esima Campagna Addestrativa a favore degli allievi dell’Accademia Navale di Livorno che è durata 68 giorni di cui 45 trascorsi in mare, percorrendo circa 6000 miglia, 1000 ore di moto di cui 400 con vele spiegate e toccando i principali porti europei, partecipando a importanti eventi nel panorama velico mondiale come la Tall Ships Race, raduno dei velieri più prestigiosi ancora in servizio.
L’Amerigo Vespucci andrà ad ormeggiarsi alla Stazione Marittima dove sarà visitabile al molo Andrea Doria fino a lunedì 8 ottobre con orari 10.30-12.00 e 15.00-18.00.

Impressionanti i numeri del Maltese Falcon, anno di costruzione 2006: 88 metri di lunghezza f.t., 12.60 di larghezza, 1.240 tonnellate di dislocamento, tre alberi, 2.400 metri quadri di superficie velica con 15 vele, altezza dell’albero di maestra 58 metri. Materiali e tecnologie sono avanzatissimi: alberi e boma sono di carbonio e le manovre di rotazione sono assistite da sistemi idraulici. Gli alberi sono ruotanti e autoportanti, quindi privi di sartie e girano fino a 180°.

Stupisce anche la facilità di gestione: per avvolgere ogni vela si impiega poco più di un minuto, ce ne vogliono invece sei per avvolgerle tutte. Il fatto forse più sorprendente riguarda l’equipaggio, composto solamente da 19 persone. Ma per manovrare il Maltese Falcon puo’ bastare addirittura una sola persona per gestire le varie fasi della navigazione, compreso il controllo di tutte le vele, con un telecomando touch screen, raggiungendo performance ragguardevoli (la nave è in grado di superare la barriera dei 20 nodi a vela, contro i 19 nodi di velocità massima raggiungibili a motore).

Il gemellaggio sarà celebrato domani sera allo Yacht Club Italiano in occasione della consegna degli Yacht Capital Award.