Quantcast

Salone Nautico, gli eventi di oggi tra grandi nomi dello sport e dello spettacolo

Genova. Grandi nomi dello spettacolo e dello sport sono stati protagonisti di questo martedì al Salone Nautico internazionale di Genova.

Tra le iniziative, questa mattina a bordo dell’Amerigo Vespucci è stato presentato il calendario 2013 della Marina Militare e il pre-bando di regata della 30° edizione del Trofeo Accademia navale e Città di Livorno.

Scortate dalla nave scuola della Marina Militare sono arrivate a Genova le quattro imbarcazioni del progetto “Mare che Unisce – L’Italia in barca a Vela”, organizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e della Federazione Italiana Vela in collaborazione con Lega Navale Italiana e Guardia Costiera.

Poi un momento olimpico, con il campione vincitore della medaglia d’oro nel K1 slalom a Londra 2012, Daniele Molmenti, che ha raccontato la fatica di chi si allena 10 mesi all’anno fuori dall’Italia, perchè qui non ci sono canali artificiali adatti per la disciplina.

“Qui conta solo il calcio – ha detto Molmenti – gli altri sport, “silenziosi” come il mio non vengono considerati, anche se raggiungono importanti risultati. E la colpa è anche di voi giornalisti”.

A proposito di calcio, oggi a visitare il Salone c’era anche Giampiero Gasperini, allenatore del Palermo dopo molti anni al Genoa. “Sono moderatamente interessato all’acquisto di una barca – ha detto scherzando il Gasp – nel caso, sarà a motore anche se amo moltissimo la vela ha aggiunto.

Oggi al Salone anche due dei protagonisti dei classici cinepanettoni italiani, Massimo Boldi, in mattinata, e Jerry Calà nel primo pomeriggio.

Barche, crisi economica e blitz della guardia di finanza: sono questi gli ingredienti del nuovo film “E io non pago-L’Italia dei Furbetti” che uscirà nei cinema a dicembre e vedrà come protagonista Jerry Calà.

Ad annunciarlo è stato lo stesso comico, appassionato di gommoni e di nautica in genere, l’attore si è detto molto dispiaciuto di vedere meno persone del solito al Salone.

“Sono diventato un gommonauta, acquisto solo gommoni, sono molto più maneggevoli. Ho visto meno persone del solito e
questo mi provoca molto dispiacere. Sono spaventato. Il mare è una cosa meravigliosa e va vissuto con tranquillità”.

Secondo Calà, per capire la crisi che sta attraversando il settore “basta vedere quanto accaduto quest’estate in
Sardegna”.

L’attore ha riferito che a Polto Quatu, località della Costa Smeralda dove ha un locale notturno, si è assistito al calo drastico del numero di barche: “Su 360 posti barca ne era occupato la metà, mentre in Corsica era tutto pieno. Vorrà pur dire qualcosa. O no?”.