Quantcast
Sport

Rugby, Serie B: il Cus Genova mostra il suo vero volto, Biella battuto 25 a 22

Genova. Nella partita che lo opponeva al quotatissimo Biella, l’anno scorso fuori dai playoff per un inezia a favore del Cus Torino, e che poteva già essere decisiva per capire le proprie potenzialità, il Cus Genova riscatta l’inopinata sconfitta dell’esordio, patita in quel di Sorico contro il modesto Sondrio, e mantiene l’imbattibilità casalinga che dura da quasi due anni.

L’effetto Carlini si fa sentire, perché anche ieri erano presenti sugli spalti tanti tifosi, tra cui il sindaco Doria, quanti se ne vedevano alla Sciorba in una stagione intera. Capitan Cadeddu e tutti i suoi compagni hanno voluto ringraziare i propri sostenitori fornendo una prestazione tutta cuore e orgoglio, specialmente nella parte finale della gara.

Prima dell’incontro lo sponsor Sean Pescetto e signora hanno voluto posare con la squadra indossando la maglia che riporta il logo Pharma Zena.

Partita dalle molteplici emozioni, con il forte Biella che raggiunge il massimo vantaggio di 10 punti nelle fasi iniziali, con la complicità di una colossale imbarcata dei cussini, in occasione della prima meta.

Passato lo sbandamento, nella restante parte del match si vede un buon Cus Genova, che imposta il proprio gioco sulla baby mediana formata dai già validissimi Pietro Gregorio (classe 1993) e Paolo Pescetto (classe 195!). Altro ragazzino terribile, Luigi Garaventa (classe 1994), autore anche di una pregevole meta.

Tutti i giocatori, chiamati in causa dall’allenatore Rocco Tedone, si sono comportati in maniera veramente encomiabile, ma, come riconosciuto dai suoi stessi Compagni di battaglia che gli hanno assegnato il chiodo di uomo più duro in campo (retaggio del periodo neozelandese) Daniele Pallaro è stato il migliore, anche con un occhio chiuso per un cazzottone.

“L’ultimo quarto di partita – dichiarano i dirigenti biancorossi – ha regalato un Cus Genova all’altezza delle migliori partite dell’anno scorso. Speriamo che siano le premesse per continuare a vedere i nostri ragazzi ritornare nelle posizioni che gli competono per ricompensare i sacrifici che tutti compiono”.

Il Cus Genova ha schierato Sandri, Capaldo, Cadeddu, Dapino, L. Garaventa, P. Pescetto, Gregorio, Pallaro, Manara, Bertirotti, Dell’Anno, Sotteri, Espasa, Datti, Avignone.

In panchina Riccobono, Coppola, Imperiale, Barry, Bedocchi, Zaami, Chindamo.

Sostituzioni: Barry per Pallaro (temporaneo), Riccobono per Avignone, Barry per Dell’Anno, Zaami per Capaldo.

Allenatore Rocco Tedone; accompagnatore Gian Emilio Agrone; addetto all’arbitro Enrico Cornero; giudice di linea Lorenzo Massa; assistente allenatore Gianrenato Nicosia.

Le marcature. P.t. 7° meta tr. Biella (0 – 7), 20° c.p. Biella (0 – 10), 29° meta Pallaro tr. Sandri (7 – 10), 32° meta Biella (7 – 15), 38° meta L. Garaventa (12 – 15). S.t. 14° c.p. Sandri (15 – 15), 17° meta tr. Biella (15 – 22), 25° c.p. Sandri (18 – 22), 33° meta Datti tr. Sandri (25 – 22).

L’esito della 2ª giornata:
Rugby Union 96 – Rugby Grande Milano 17 – 40
Asti Rugby – Sertori Sondrio 16 – 18
Banco San Giorgio Cus Genova – Biella 25 – 22
VII Torino – Rovato 34 – 34
Unicalce Lecco – Parabiago 8 – 16
A.S.R. Milano – Alessandria 51 – 7

La classifica del girone A:
1° Rugby Grande Milano 10
2° A.S.R. Milano 9
3° Sertori Sondrio 8
3° Rovato 8
5° Biella 6
5° VII Torino 6
7° Parabiago 5
8° Banco San Giorgio Cus Genova 4
9° Unicalce Lecco 1
9° Alessandria 1
9° Asti Rugby 1
10° Rugby Union 96 0

Domenica 21 ottobre alle ore 15,30 si disputerà il 3° turno con i seguenti incontri:
Rugby Grande Milano – Unicalce Lecco
Asti Rugby – VII Torino
Sertori Sondrio – A.S.R. Milano
Biella – Alessandria
Rovato – Banco San Giorgio Cus Genova
Parabiago – Rugby Union 96