Quantcast
Politica

Ospedale di Santa Margherita, c’è l’accordo tra Regione e Comune. De Marchi: “Miglior risultato possibile”

ospedale santa margherita

Santa Margherita. Sulla questione ospedaliera è arrivato l’accordo tra Regione Liguria e Comune di Santa Margherita Ligure. Lo ha reso noto ieri sera, durante la seduta del consiglio comunale chiamato ad approvare le nuove previsioni urbanistiche per la struttura, il sindaco Roberto De Marchi, che ha incontrato ieri il presidente della Regione Claudio Burlando e l’assessore Gabriele Cascino.

Nei giorni scorsi il sindaco aveva inviato una lettera allo stesso Burlando invocando un’opera di mediazione. Che, prontamente, è avvenuta: la Regione ha quindi accettato la proposta che ieri sera è stata votata all’unanimità dal consiglio comunale, basata sul riconoscimento a titolo gratuito, al comune, di 800 metri quadri per pubblici servizi e di 130 posti auto a rotazione, qualunque sia il tipo di intervento che il privato andrà ad eseguire.

Unica richiesta avanzata dalla Regione la possibilità di far scendere la quota di edilizia convenzionata dal 25% al 20% in caso di semplice ristrutturazione senza demolizione del fabbricato. Una proposta del tutto diversa, questa, da quella che la giunta regionale aveva approvato nei giorni scorsi e che prevedeva in modo esplicito la cessione di una superficie di 800 metri quadri solo in caso di sostituzione edilizia, sancendo la proprietà privata dei 130 posti auto pubblici, che sarebbero stati oggetto di semplice convenzione col Comune, e una percentuale di edilizia convenzionata ferma al 10%.

Per questo il sindaco, nel corso del suo intervento, ha sottolineato come quello raggiunto ieri sia “il miglior risultato possibile nelle condizioni date. Una condizione che ha visto la Regione approvare una legge ad hoc per imporre il cambio di destinazione d’uso e consegnare alla storia la vocazione sanitaria dell’ospedale.

“Non siamo di fronte a una vittoria, ma in uno scenario compromesso il consiglio comunale nella sua interezza ha saputo conservare alla città ingenti spazi per servizi pubblici e porre le basi, con la previsione di nuovi parcheggi interrati, di una riqualificazione del centro cittadino. Ottenendo, infine, una quota significativa di nuova edilizia convenzionata che potrà essere destinata a giovani coppie”, spiega il primo cittadino.

“Tengo a sottolineare – dichiara ancora il sindaco – che questo risultato è stato reso possibile dalla collaborazione e dallo spirito di unità che ha animato tutti i consiglieri comunali e le commissioni territorio e sanità, egregiamente coordinate dai presidenti Chiarelli e Pastine”.