Quantcast
Cronaca

Operazione “Provola”, sgominato traffico di droga: in manette anche un genovese

Savona. Le accurate indagini partite dal sequestro di un chilo di cocaina hanno portato a sgominare un traffico di droga ben più rilevante.

Aveva cercato in tutti i modi di rifarsi un’immagine pulita da imprenditore in quel di Savona – prima come ristoratore alla Baracca di via Cimarosa, poi di un bar trattoria in porto, e, negli ultimi anni, anche come fondatore della cooperativa sociale “Il Miglio Verde” – ma oggi è lui, Leonardo Paradiso, detto “Provolino”, a dare il suo nome all’operazione antidroga – “Provola”, appunto – condotta dalla Direzione Investigativa Antimafia di Genova e dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Savona.

Il passato turbolento del 56enne – residente a Quiliano – segnato da 18 anni di carcere per droga, oltre al suo tenore di vita, troppo alto rispetto a quanto dichiarato, hanno fatto rizzare le orecchie alle forze dell’ordine che lo hanno arrestato insieme ad altre 4 persone (Giuseppe Stefano Puglisi, di Milano; Rino Bonsanto, della provincia di Alessandria; Pasquale Potorti, di Genova e Augusto Farris, di Cagliari e fermato il 3 settembre scorso a Ventimiglia con 400 grammi di cocaina).

“Le indagini sono partite dal sequestro di 1 kg di cocaina di due settimane fa a carico del savonese Fulvio Saettone e si sono sviluppate con intercettazioni e pedinamenti, che hanno condotto al sequestro anche di beni, come conti correnti, immobili, una villa auto e moto per un valore di oltre 1 milione e mezzo di euro. Non sappiamo con esattezza quanta droga questa banda sia riuscita a piazzare sul mercato ma, visto il tenore di vita dei coinvolti, molta. Tutti soldi sporchi, tutti proventi del traffico di cocaina” spiega il colonnello Michele Piemontese, comandante provinciale Guardia di Fiananza di Savona.

Sequestrati 5 appartamenti, 8 appezzamenti di terreno, e alcuni depoisiti di Paradiso.