Quantcast
Cronaca

Operazione Pettirosso, forestale genovese ferito a Brescia da bracconiere

Brescia. Un agente del Corpo Forestale dello Stato è rimasto ferito durante una collutazione con un bracconiere, colto in flagrante mentre sistemava delle trappole.

L’episodio è avvenuto in provincia di Brescia, nell’ambito dell’Operazione Pettirosso, a cui partecipa il comando provinciale di Genova al fine di contrastare l’illegale pratica dell’uccisione di uccellini praticata nella provincia lombarda per farne “polenta e osei”.

I piccoli volatili vengono catturati a centinaia con metodi anche cruenti in quanto i bracconieri utilizzano delle particolari trappole artigianali che bloccano e spezzano le zampe degli animali che poi muoiono di stenti.

L’agente della Forestale aveva notato il bracconiere mentre risistemava una delle trappole, alla vista dell’agente l’uomo si era dato alla fuga, ignorando l’alt degli altri uomini della Forestale.

Il forestale genovese è riuscito per primo a raggiungere il cacciatore che ha cercato ulteriormente di liberarsi dando vita ad una colluttazione nella quale il forestale ha riportato una frattura al braccio e diverse escoriazioni al viso.

Il bracconiere che è stato poi denunciato alla Procura della Repubblica di Brescia per l’esercizio della caccia (trappole tipo “archetti”), resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali.