Quantcast
Cronaca

Oltre 300 pasticche e dosi di cocaina nascoste nelle parti intime: sgominato giro di spaccio e festini a base di ecstasy

Genova. Nascondeva oltre 300 pasticche di ecstasy e cocaina nelle parti intime, quando è stata bloccata dai carabinieri e arrestata insieme al suo compagno, il capo della piccola organizzazione criminale. E’ stato il grido di allarme di una coppia di genitori, preoccupati per la salute del proprio figlio, a far scattare le indagini dei carabinieri, che hanno scoperto un giro di festini a base di ecstasy e sgominato un giro di spaccio.

A finire in manette sono stati Cataldo Cortese, genovese nato a Crotone, che vive in via Lusingnani a Molassana, ma che nell’ambiente è conosciuto come Christian Calabria, bronzo ai mondiali di Savate. L’uomo lavorava nell’impresa edile del padre da quando aveva dovuto lasciare la carriera sportiva a causa di un incidente che lo aveva ridotto in coma per diverso tempo. A suo carico c’erano già precedenti per spaccio. Insieme a lui è finita in manette la fidanzata cilena, la 25enne Valeria Lei Oyarce Castro e il carrozziere 21enne Salvatore Pulirenti, residente in via Edera.

“L’attività di indagine è partita da alcune confidenze fatte da una coppia di genitori che avevano notato comportamenti sospetti alla festa dei 18 anni del proprio figlio. Alcuni ragazzi, infatti, si erano allontanati e poi tornati in uno stato confusionale che non era quello tipico derivante da un po’ di ebbrezza per qualche bicchiere di spumante – spiega il comandante dei carabinieri della compagnia di San Martino, Pierantonio Breda – I genitori hanno quindi messo sotto torchio il figlio e poi hanno riferito tutto quanto a noi. Da qui sono iniziate le indagini del nucleo operativo, che attraverso pedinamenti in varie case e circoli del levante ligure, fino a Spezia, in cui il capo si spostava con taxi o passaggi di amici per fare consegne di droga, hanno scoperto il giro di spaccio”.

L’arresto è avvenuto lunedì, mentre il capo stava uscendo di casa con la compagna, che nascondeva lo stupefacente nelle zone intime. Il giorno successivo è arrestato il carrozziere, che custodiva la droga e aveva il ruolo di magazziniere. Sono oltre 300 le pasticche sequestrate e quasi un etto di cocaina.

Nell’operazione sono anche state sequestrate monete false da un euro, che probabilmente erano utilizzate in distributori automatici e slot machine.