Quantcast
Economia

“No alle aste”, la protesta dei balneari liguri si sposta sull’Adriatico: in carovana fino a Senigallia

Liguria. La protesta dei balneari contro la direttiva Bolkestein si sposta sull’aadriatico. Una folta delegazione di balneari liguri della riviera di Ponente e di Levante, insieme a 47 macchine dalla Versilia e dintorni, sono partiti ieri alla volta di Senigallia in carovana, per confrontarsi con tutte le organizzazioni sindacali nazionali, per precisare e rafforzare la posizione da tenere nel prossimo confronto con il governo.

“Per noi di Comitato Salvataggio Imprese e Turismo il ‘No alle aste’ rimane l’unico obiettivo perseguibile ed è per questo che, abbiamo deciso di intraprendere questa ennesima avventura” affermano Emiliano Favilla e Fabrizio Maggiorelli, fondatori del Comitato.

Forti anche dell’appoggio dei sindacati Sib, Fiba, Assobalneari, sintetizzato dalla lettura da parte di Riccardo Borgo di un documento che dimostra la posizione che terranno oggi – il no ad ogni forma di evidenza pubblica – i balneari parteciperanno ad un corteo pacifico che si terrà alle ore 11.00 e che si muoverà da P.zza della Libertà di Senigallia per l’incontro con le istituzioni e autorità ed incontri con politici (tra cui l’onorevole Di Pietro che ha già dato la sua disponibilità).