Quantcast
Cronaca

‘Ndrangheta, inchiesta “Maglio 3”: la procura chiede pene fino a 12 anni

Genova. Si è conclusa con la richiesta di condanne da un massimo di 12 a un minimo di 6 anni la
requisitoria dei pm Vincenzo Scolastico e Alberto Lari al processo, con rito abbreviato, a carico di dieci persone imputate di associazione a delinquere di stampo mafioso nell’ambito dell’inchiesta denominata “Maglio 3”, alcune delle
quali sono ritenute ai vertici della ‘ndrangheta in Liguria. Il processo si svolge davanti al gup Silvia Carpanini.

I pm hanno chiesto 12 anni per Onofrio Garcea, 10 anni e 8 mesi per Benito Pepé, 9 anni per Rocco Bruzzaniti, 8 anni per Fortunato e Francesco Barilaro, Michele Ciricosta e Antonio Romeo e 6 anni per Antonino Multari, Raffaele Battista e Lorenzo Nucera.

Secondo i pubblici ministeri Bruzzaniti, Battista, Multari e Lorenzo Nucera avrebbero avuto il ruolo di “partecipi”
dell’associazione mentre gli altri quello di promotori. Oggi i pm hanno esaminato la posizione dei singoli imputati: il
procuratore aggiunto Vincenzo Scolastico ha parlato sulle “locali” di Ventimiglia e di Sarzana e il pm Alberto Lari si è riferito a quella di Genova. Mercoledi’ inizieranno a parlare i difensori.

L’indagine, che si era conclusa nel giugno 2011, è stata condotta dai carabinieri coordinati dai magistrati della
Direzione distrettuale antimafia. Altre due persone, Arcangelo Condidorio e Paolo Nucera, saranno processate in dicembre con rito ordinario.