Quantcast
Cronaca

Naufragio Concordia, Schettino di nuovo in aula: il secondo giorno di udienza

Grosseto. E’ incominciato anche il secondo giorno di udienza per l’incidente probatorio sulla scatola nera della Costa Concordia. Il comandante Francesco Schettino è arrivato al teatro Moderno di Grosseto alle 9 in punto, passando, come già ieri, dall’ingresso secondario, presidiato dalle forze dell’ordine.

Schettino è sceso dall’auto con cui è stato accompagnato e ha salutato gli operatori delle tv appostati sulle case vicine con un gesto della mano e una parola che ai più è sembrato un ‘buongiorno’. Poi si è recato in aula. Sono entrati dallo stesso ingresso anche i pm della procura di Grosseto e i periti, tra cui l’ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone. L’ingresso secondario verrà usato per tutta l’udienza così da evitare l”assaltò delle telecamere posizionate all’ingresso principale.

L’udienza è attualmente in corso. “L’ecoscandaglio? Per non dire che era guasto diranno che era spento così la colpa invece che a Costa la daranno a qualcun altro”. Sono le parole di Bruno Neri, professore dell’università di Pisa e consulente di due naufraghi, pochi minuti prima di entrare al teatro Moderno, sede della udienza dell’incidente probatorio per il disastro della Costa Concordia.

“Chiederemo da quale fonte arriva questa notizia quando ci sarà il contradditorio con le parti – continua Neri – anche perché quello è uno strumento obbligatorio che deve anche registrare il tracciato della nave. Sono tutti tasselli comunque che si aggiungono ad un quadro generale sempre più preoccupante”.