Quantcast

Meteo allerta 1, scatta l’ordinanza comunale: domani scuole chiuse in zona Fereggiano

Genova. A seguito dallo stato di allerta 1 idrologica diramato dalla Protezione civile della Regione Liguria, a partire dalle 6 di domani mattina, fino al mezzogiorno di sabato 27 ottobre, scattano le misure previste dall’ordinanza del sindaco dello scorso febbraio per la zone di via Fereggiano.

Per domani rimarrano chiuse le seguenti scuole del quartiere di Marassi: complesso scolastico Maria Ausiliatrice (corso Sardegna), scuola elementare Papa Giovanni XXIII, scuola dell’Infanzia Galileo Ferraris, scuola media Cantore-Lomellini (situate in piazza Galileo Ferraris 4), scuola media Govi (via Pinetti) e asilo Nido privato I Marmocchi (via Fereggiano). Le abitazioni ritenute maggiormente a rischio saranno inoltre evacuate: si tratta di circa 130 persone che entro domani saranno sfollate. Già allertate le strutture destinate ad accoglierle.

Prevista dall’ordinanza anche l’interruzione degli eventi all’aperto che comportino affollamenti di persone nell’area individuata ed è sospeso il mercato bisettimanale di merci varie che si svolge nelle aree pubbliche limitrofe a via Tortosa.

Gli esercenti delle attività commerciali, artigianali, ricreative, sportive e religiose ubicate in locali interratti e/o seminterratiu nonché in quelli situati allo stesso livello del piano stradale devono adottare le misure disposte dai piani di emergenza interni.

L’allerta è stato diramato a seguito della possibilità su tutta la regione di temporali forti, anche persistenti e organizzati e riguarda i bacini marittimi di centro (comprendenti la provincia di Genova e quella di Savona), e i bacini marittimi di Levante.

Nella giornata di domani il cielo sarà coperto con precipitazioni diffuse a carattere di rovescio o temporali localmente forti con possibilità di grandine e colpi di vento. I fenomeni potrebbero risultare più intensi dal pomeriggio, tra savonese e genovesato. Secondo la Protezione civile sarà particolarmente colpito anche lo spezzino.

Proprio per le piogge previste la Protezione civile regionale dispone di monitorare le aree a pericolosità di frana, oltre alle zone che i Comuni ritengano di particolare criticità.