Quantcast
Cronaca

Medici genovesi indagati, Gaslini: “La qualità e la sicurezza delle nostre terapie sono indiscutibili”

Genova. Sono indagati anche cinque medici genovesi nell’ambito della maxi inchiesta che ha scoperto una rete di informatori scientifici della casa farmaceutica Sandoz che, per incrementare le vendite, dava o prometteva oggetti di valore a medici di ospedali pubblici o privati. I militari del Nas hanno perquisito le abitazioni dei professionisti, gli studi e gli ospedali, il San Martino e il Gaslini, dove i medici lavorano.

Alla luce di questi fatti, quindi, l’Istituto Giannina Gaslini fa alcune precisazioni e prendendo atto delle iniziative giudiziarie, ribadisce con forza l’assoluta qualità e sicurezza delle terapie e delle attività cliniche-assistenziali rese nei propri reparti e da tutti i suoi sanitari.

“L’Istituto prende atto con stupore delle suddette iniziative giudiziarie e si augura una definizione quanto più rapida possibile delle indagini al fine del completo accertamento delle condotte di chiunque si trovi in esse coinvolto – si legge in una nota – L’Istituto si atterrà sia al rispetto del principio costituzionale di presunzione di innocenza, che al dovere – anche etico – di completa disponibilità verso gli organi di giustizia, per ogni eventuale richiesta e collaborazione a tutela innanzitutto della fiducia dei cittadini nella salute pubblica”.