Quantcast
Politica

Marylin Fusco su dimissioni: “Nessuno mi ha scaricato, mi sono tolta un peso”

Regione. “Non sono stata scaricata da Di Pietro, anzi: il presidente ha appreso delle mie dimissioni nello stesso momento del governatore Burlando e del nostro capogruppo Scialfa”. Così Marylin Fusco a briglia sciolta dopo il dibattito in Regione sulle sue dimissioni, assunte dopo l’avviso di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sui lavori al porto di Ospedaletti.

“Le dimissioni sono state una scelta autonoma con effetto immediato ed irrevocabile – spiega l’oramai ex presidente dell’ente regionale – Ora mi posso difendere tranquillamente da semplice cittadina. L’abuso d’ufficio si contesta alla persona che svolge determinati atti, mentre io non ho fatto alcun provvedimento. Tutto quello che so lo apprendo dai giornali; ad oggi non conosco cosa viene contestato. Quindi per ora non entro nel merito”.

L’esponente Idv intende fugare i dubbi sulla compattezza del partito. “Quello che voglio ribadire – osserva – è il fatto che nel nostro partito non è in atto alcuno scontro. Oggi pomeriggio ci riuniremo e faremo il punto. Dal momento in cui ho assunto il ruolo di vicepresidente e assessore urbanistica ho sempre scisso il compito istituzionale dalla rappresentanza di partito. Da questo punto in avanti potrò finalmente esprimere anche il mio pensiero politico”.

Il governatore Burlando ha annunciato che entro oggi deciderà a chi affidare le deleghe lasciate da Fusco, “che in modo tanto diverso da quanto accade in altre amministrazioni – ha a sua volta evidenziato – ha scelto di difendersi da semplice cittadina”.

“Sono sempre stata al mio posto e rispetterò quanto deciderà il partito – riferisce la diretta interessata – Lo stesso Burlando ha svolto considerazioni importanti: un politico rischia in tutto quello che fa, ma io sono assolutamente tranquilla. Si tratta di scenari accusatori che io non conosco. Il capogruppo alla Camera, Donadi, mi ha detto che ho fatto una scelta da donna di partito, attestandomi la sua fiducia”.

La carriera di Marylin Fusco è cominciata nel 2007 quando è stata eletta al consiglio comunale di Genova nelle lista dell’ Ulivo. Per l’amministrazione si occupava di promozione e sviluppo delle opportunità occupazionali dei giovani. Nel luglio dello stesso anno è stata nominata coordinatrice regionale Informagiovani dell’Anci, diventando contestualmente componente della Commissione nazionale politiche giovanili dell’Anci.

Nel 2008 ha aderito all’Italia dei Valori e nel settembre dello stesso anno è stata eletta coordinatrice regionale delle donne. Nella primavera del 2009 si è candidata alle elezioni europee nel collegio nord-ovest riportando 8200 preferenze. Nel giugno del 2009 è diventata capogruppo dell’Idv in Comune a Genova. Nella primavera del 2010, quindi, è stata eletta in consiglio regionale e successivamente nominata dal presidente Burlando vicepresidente e assessore all’urbanistica. Sino alle perquisizione del Noe negli uffici regionali e l’avviso di garanzia, dunque la decisione di rimettere le deleghe.