Cronaca

Lupi in Liguria, l’appello di Enpa: “Risarcire subito i pastori”

lupo

Liguria. Risarcire i pastori per le pecore uccise dai lupi ma, al più presto, dotarli obbligatoriamente di cani da pastore robusti ed addestrati (come i maremmani), che fronteggino e costringano i predatori ad indirizzare i loro attacchi solo alla fauna selvatica (daini, caprioli, cinghiali): è l’appello della Protezione Animali savonese a Provincia e Regione per tutelare efficacemente la presenza dei lupi in Liguria.

“Utilissimo poi estendere la possibilità di risarcire anche i danni arrecati al bestiame dai cani mediante una modifica della legge regionale; infatti in provincia non esistono cani inselvatichiti ma soltanto gruppi di cani di proprietà, lasciati liberi di allontanarsi da cascine e ville di campagna, che costituiscono branchi temporanei che talvolta attaccano ed uccidono proprio pecore e capre al pascolo” dicono i volontari.

“La presenza del lupo, quello vero e non immesso con ripopolamenti artificiali e di dubbia provenienza, è un grande valore della biodiversità, come il soccorso, la cura e la successiva reimmissione in natura della fauna selvatica ferita e in difficoltà. Si fanno manifestazioni, convegni o monitoraggi in nome della difesa della biodiversità, spendendo molti soldi da parte di Regioni e Parchi, che mancano poi per finanziare attività concrete come i soccorsi, portate avanti in Liguria prevalentemente dai volontari dell’Enpa, con l’aiuto significativo ma insufficiente dell’amministrazione provinciale (quando arriverà) e del Parco del Beigua” conclude la nota della Protezione Animali.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.