Lotta ai tumori pediatrici, una cena di gala per sostenere la ricerca

cena gala neuroblastoma

Genova. Eccellenze locali, imprenditori, mondo della cultura e dello spettacolo sono accanto all’Associazione Italiana per la lotta al Neuroblastoma Onlus in una serie di iniziative per la ricerca contro il neuroblastoma e i tumori cerebrali pediatrici.

In questi giorni è possibile iscriversi alla cena di gala “Una Sera a Cena con la Ricerca”, che si terrà mercoledì 7 novembre alle ore 20.30 nella splendida cornice della Sala delle Grida a Palazzo della Borsa, organizzata dall’ Associazione Ristoranti FEPAG – ASCOM per donare speranza ai piccoli ammalati.

Un pregiato menù per una buona causa, preparato e servito dai più rinomati ristoratori genovesi con il contributo di tante altre categorie associate ASCOM, nello spirito generoso che anima questa città da sempre laboriosa e solidale. I pasticceri e i panificatori forniranno il dolce e la focaccia, Petrelli i vini, l’Istituto Bergese metterà a disposizione 25 studenti per il servizio in sala e le decorazioni floreali saranno offerte da Simone Fiori.
La serata vedrà la partecipazione del comico Daniele Raco e di testimonial d’eccezione dell’Associazione Neuroblastoma.
La quota di partecipazione alla serata, 50,00 Euro, sarà devoluta alla ricerca scientifica sul neuroblastoma e i tumori cerebrali pediatrici. Per prenotazioni ed informazioni: tel 010 9868314 o www.neuroblastoma.org

L’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma O.N.L.U.S, nata a Genova nel 1993, ha sede presso l’ “Istituto G. Gaslini” in Largo Gaslini, 5 ed è attiva su tutto il territorio nazionale; ha svolto un ruolo determinante nel contribuire al miglioramento della terapia e all’aumento delle possibilità di guarigione dei bambini affetti da neuroblastoma e da tumore cerebrale, che costituiscono le principali cause di morte per malattia nell’età prescolare.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.