Quantcast
Politica

Inchiesta Ospedaletti, Viale: “Da Fusco e Burlando due versioni differenti, inaccettabile dire bugie ai cittadini”

Genova. “Aspettiamo che la giustizia faccia il suo corso, certamente quello che non può passare inosservato è che ieri abbiamo sentito da parte del presidente della Liguria Claudio Burlando e da parte del vicepresidente Marylin Fusco due versioni differenti”.

Commenta così Sonia Viale, segretario nazionale Lega Nord per la Liguria l’inchiesta in corso sul porto di Ospedaletti, che vede tra gli indagati per il reato di abuso d’ufficio in concorso con il costruttore del porto Mauro Mannini, la vicepresidente della Regione Liguria Marylin Fusco che ieri si è detta “del tutto estranea ai fatti”, che riguarderebbero la precedente giunta Burlando (dove l’assessore all’Urbanistica era Carlo Ruggeri).

Analogo, ma con alcune importanti precisazioni, è stato il commento del presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, “Tutto quello che riguarda l’iter autorizzativo risale alla vecchia giunta ed è estraneo a questo ciclo amministrativo. L’unico provvedimento della nostra giunta regionale – ha puntualizzato Burlando – è stato rispondere alla richiesta di un parere avanzata dal Comune, a proposito di alcune competenze. Si trattava di un parere stilato da un dirigente e che non era vincolante”.

“Il primo diceva che si trattava di atti riguardanti gli attuali amministratori responsabili della sua giunta, mentre la seconda affermava che si trattava di atti delle precedenti giunte Burlando: delle due l’una, o ha ragione uno o ha ragione l’altra” sostiene Viale.

Quello che non è accettabile per la Lega Nord “è dire delle bugie ai cittadini, le responsabilità penali devono essere verificate dalla Magistratura”.