Quantcast
Cronaca

Ilva, Fim e Uilm: “Subito risposte, non capiamo che intenzioni abbia la Fiom”

Genova. “Il lavoro non si tocca, lo difenderemo con la lotta”. Gridando questo slogan i lavoratori stanno marciando sulla sopraelevata verso il Salone Nautico. Alla fine, dopo una breve discussione con i sindacati, che avrebbero preferito passare da sotto, il corteo è entrato sulla strada Aldo Moro insieme alle motrici di tir e mezzi pesanti.

“La partecipazione a questa manifestazione è evidente ed è una chiara dimostrazione di quanto i lavoratori siano disposti a fare per tutelare il proprio lavoro”, spiega Antonio Apa, segretari9o Uilm.

I due sindacati organizzatori, ovvero Fim e Uilm, dicono di non capire la posizione della Fiom, che ha deciso di attendere prima di mettere in atto eventuali azioni di protesta. “Noi non abbiamo bisogno di vedere le carte – prosegue Apa – i lavoratori hanno bisogno di risposte subito. Oggi stiamo andando al Salone, dove è in esposizione un altro settore in grande crisi. Si tratta di due emergenze, che derivano anche dalle scelte scellerate del governo”.

Dopo la manifestazione al Salone Nautico, i sindacati incontreranno il Prefetto e chiederanno di invitare il Governo a trovare un compromesso che garantisca la tutela della salute e dell’ambiente, ma anche dell’attività produttiva.