Quantcast
Politica

Il Pd genovese ricomincia con una nuova segreteria, Lunardon: “Squadra giovane ed esperta”

Genova. Il Pd genovese ricomincia il suo percorso con una segreteria nuova di zecca. “Ho scelto una nuova segreteria sulla base di competenze e fiducia, visto che questa è la squadra che collaborerà con me nei prossimi mesi, che saranno molto difficili”. Con queste parole il segretario provinciale Giovanni Lunardon ha presentato la nuova segreteria del Partito Democratico cittadino.

“Si tratta di una segreteria di rinnovamento e formata da persone giovani, ma con esperienze consolidate e già misurate dentro al partito e nelle amministrazioni – prosegue – è un nuovo nucleo dirigente per il partito genovese, che dopo le primarie di qualche mese fa, in cui si era si aperto un vuoto, va ad aprire una nuova fase”.

Nella nuova segreteria c’è una perfetta parità di genere: sei uomini e sei donne. Il responsabile Diritti di Cittadinanza è Viola Boero, studentessa, classe 1988; il responsabile Smart Cities e Politiche Ambientali è Margherita Mereto Bosso, laureanda, classe 1984; il responsabile Scuola è Francesca Cappelli, dipendente pubblica, classe 1968.

Il responsabile Trasporto, Infrastrutture e Innovazione tecnologica è Paolo Cortesi, classe 1968; il responsabile Progetti culturali è Anna Costantini, classe 1961. Il responsabile PMI e Turismo è Sara Di Paolo, imprenditrice, classe 1974; il responsabile Enti locali è Simone Farello, capogruppo PD Genova, classe 1974.

Il Responsabile Politiche del Lavoro è Fabio Franchini, bancario, classe 1979; il responsabile Welfare è Cristina Lodi, presidente Ordine assistenti sociali, classe 1970; il responsabile Economia è Massimiliano Morettini, classe 1970, già presidente Arci.

Il responsabile Coordinamento Conferenza sul Partito e Formazione Politica è Simone Mazzucca, classe 1978 e il responsabile Organizzazione è Alessandro Terrile, avvocato, classe 1979.

“Il rinnovamento non è novità per il Pd, ma una linea di tendenza che volevamo rafforzare, come già avevamo fatto nelle composizioni delle liste per il Comune e i municipi – spiega ancora Lunardon – Scelte premiate perché evidentemente fanno parte di quello che chiedono i cittadini”.

Ma rinnovamento per fare cosa? “Al centro di tutto ci sono i temi sociali ed economici, infatti non è un caso se molti degli incarichi attribuiti riguardano proprio questi ambiti e su questo terreno caratterizzeremo l’azione del nostro partito – spiega il segretario – Avremo un’agenda molto fitta, in primis le primarie del centrosinistra e poi la campagna elettorale, ma in mezzo ci sarà molto spazio per l’azione politica e noi vogliamo riempirlo con iniziative importanti, come lo è stata la Festa del Pd, che ha avuto grande successo”.

Numerosi impegni alle porte per la nuova segreteria, quindi, con due appuntamenti degni di nota, ovvero la conferenza dei lavoratori democratici e poi, a gennaio, la grande conferenza per parlare alla città.