Quantcast

Gli alberi di via Spinola non sono stati tagliati, Legambiente: “I cittadini hanno vinto”

Genova. Dopo un anno di preparazione e la stesura di un progetto da parte di Aster, il taglio degli alberi di via Amborgio Spinola non è avvenuto.

“I cittadini e le associazioni non accettano che si facciano progetti sul territorio senza alcun percorso di condivisione con una assemblea convocata tre giorni prima per servire il piatto già bello e confezionato. Ma in particolare non accettano che 40 alberi ad alto fusto vengano tagliati azzerando il volume di verde e di ombra nella trafficatissima strada”, spiega Andrea Agostini, presidente Legambiente Genova.

Gli ambientalisti spiegano che i cittadini e le associazioni si sentono anche presi in giro perchè si propone l’impianto di 40 nuovi alberelli a basso fusto e nei casi dei meli con nessuna prospettiva di sopravvivenza in zone battute dal vento di mare e dal salino.

“Che i meli l’Aster li vada a piantare in val di non. Qui vogliamo alberi autoctoni, con chioma folta che garantisca un riparo al rumore del traffico, una pulizia dell’aria e un verde che abbellisca e valorizzi le case e il quartiere – prosegue Agostini – Siamo stufi di continui attentati alla qualità botanica e del paesaggio cittadini fatti di potature mal fatte, alberi mai sostituiti – anche in via Ambrogio Spinola – , rizollature con alberi che muoiono in pochi mesi, modifiche del paesaggio ottocentesco con verde incongruo. Il tutto a nostre spese e senza alcuna forma di partecipazione”.

“Prima di tagliare gli alberi cominciate a piantarne qualcuno. In via Spinola sono anni che i cittadini lo chiedono non potete rispondere con le seghe e tagliarne 40”, conclude.