Quantcast
Cronaca

Genova, sequestra, picchia e umilia la moglie e i figli: famiglia salvata grazie a un sms

Genova. Tragedia sfiorata ieri a Genova, dove un sms inviato alla vicina di casa ha salvato una madre e i suoi figli dalla furia del marito. L’uomo, infatti, ha picchiato e minacciato la moglie con un coltello da cucina, fatto spogliare la figlioletta per umiliarla e sbattuto più volte la testa del figlio minorenne contro il muro fino a quando la donna è riuscita a mandare un sms alla sua vicina, che ha chiamato la polizia.

L’uomo, un bosniaco di 60 anni, è stato arrestato dalla polizia per sequestro di persona e resistenza a pubblico ufficiale. E’ successo ieri, in centro a Genova. L’uomo, appena uscito dal carcere e con pregiudizi penali per maltrattamenti in famiglia, si è recato a casa della ex compagna e, avendo saputo che la donna aveva speso per i figli i soldi che lui le aveva mandato, ha afferrato un coltello e ha minacciato la donna e i due bambini, entrambi minorenni, costringendoli a rimanere in cucina mentre lui si ubriacava.

Prima ha fatto spogliare la bambina, poi ha imposto al figlio di minacciare la madre con il coltello e quando questo si è rifiutato l’ha afferrato per i capelli e gli ha picchiato la testa contro il muro. La donna è riuscita a mandare un sms alla vicina con scritto ‘chiama la polizia’ e così la Volante è intervenuta. A fatica l’uomo è stato portato in questura e qui arrestato.