Quantcast
Cronaca

Genova, per anni hanno percepito le pensioni dei genitori morti: scoperta maxi truffa

Genova. Da anni percepivano le pensioni dei genitori morti, ma sono stati beccati dalla guardia di finanza. Gli accertamenti sono iniziati partendo data di nascita delle persone morte, una risalente al 1910 e l’altra al 1919, dalle quali si poteva desumere un’età di 102 anni, per la prima, e di 93 anni, per la seconda.

Nel primo caso, le indagini sono state più laboriose. La donna intestataria
della pensione, infatti, era emigrata all’estero con il figlio nel 1988 e quest’ultimo, nel 2008, aveva presentato all’Ente erogante gli emolumenti pensionistici e un’attestazione di esistenza in vita della madre, ottenendo la continuazione degli accreditamenti delle somme su un conto corrente di una banca estera.

Gli approfondimenti investigativi, condotti con la collaborazione di organismi di polizia della stato estero, in cui la donna risultava emigrata, hanno confermato i sospetti sul documento che affermava l’esistenza in vita della presunta ultracentenaria, risultato materialmente falso.

L’anziana signora, infatti, come comprovato dal relativo certificato di morte, era deceduta nel 1990, all’età di 80 anni. Si è potuto appurare in seguito appurare che nei 22 anni trascorsi dalla morte della donna, il figlio, iscritto all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero di un Comune della provincia di Genova, aveva percepito illecitamente, truffando lo Stato Italiano, oltre 150mila euro, importo corrispondente alla sommatoria delle pensioni erogate nel tempo.

Nel secondo caso, invece, è stato accertato che una donna genovese, di 65 anni,
continuava a percepire la pensione della madre deceduta nel 1998, comprensiva dell’ indennità di reversibilità del marito, anche questo scomparso da oltre 40 anni. Le pensioni indebitamente percepite ammontavano a 82.000 euro.

L’attività operativa è stata sviluppata in collaborazione con l’Inps di Genova, che ha proceduto a bloccare l’erogazione delle pensioni su segnalazione del Reparto operante della Guardia di Finanza. I due figli appropriatisi indebitamente delle pensioni sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria di Genova per il reato di truffa a danno di ente pubblico.