Genova, "L'Isola": la guardia costiera tra fiction e realtà - Genova 24
Cronaca

Genova, “L’Isola”: la guardia costiera tra fiction e realtà

guardia costiera genova

Genova. Presentata oggi al Teatro del Mare del 52° Salone Internazionale della Nautica di Genova la nuova fiction “l’Isola” ultimo lavoro televisivo dedicato alla Guardia Costiera.

Simone Montedoro, tra i protagonisti della serie, ha raccontato le sue sensazioni nell’indossare, anche se solo per un’interpretazione, la divisa della Marina dopo quella dei Carabinieri (l’attore in “Don Matteo” è il Capitano della local stazione) e alcuni aneddoti di quanto accaduto nel corso delle riprese, per la regia di Andrea Negrin, che hanno visto impegnati per otto mesi all’isola d’Elba Blanca Romero, Andrea Giordana, Marco Foschi e Alexandra Dinu.

Nel corso del piacevole incontro, mentre sul maxischermo del Teatro del Mare scorrevano le immagini dell’anteprima e degli altri sceneggiati con protagonista la Guardia Costiera, il Comandante Cosimo Nicastro ha ricordato l’esordio televisivo del Corpo nel 2005 quando la Rai trasmise – realizzata dalla Palomar insieme a Rai Fiction e Sony Pictures Television – la prima serie televisiva di “Gente di Mare”e sul Corriere della Sera uscì un articolo dal titolo “Con Gente di mare anche in Val d’Aosta ormai sanno che cosa è Guardia Costiera”.

Ed era vero.”Grazie alle storie ben recitate dagli attori in divisa, il nome Guardia Costiera nel grande pubblico è ormai definitivamente associato a quella serie di compiti che da sempre caratterizzano il nostro lavoro”. Una collaborazione, quella tra la Palomar di Carlo degli Esposti e la Guardia Costiera proseguita negli anni con la produzione di “Gente di Mare 2” e con il tv movie “L’età del dubbio”, best seller di Andrea Cammilleri, con protagonista Luca Zingaretti nelle vesti del famoso Commissario Montalbano.

E adesso è la volta de “l’Isola” di prossima messa in onda su Rai 1, 13 puntate che per dinamismo, suspance, e immagini spettacolari, richiameranno sicuramente l’attenzione e ci si augura il gradimento del pubblico.