Quantcast

Genova, “Il simbolo della fiaba”: non è solo una storia per bambini

Genova. La fiaba non è solo una storia per bambini, è anche un fitto mondo di simboli, che ai bambini sfuggono ma che agli adulti che vogliano indagarli possono rivelarsi nei loro profondi arcani significati.

Basti pensare, per citare un caso notissimo, alla favola di Cappuccetto Rosso, che racchiude numerosi significati simbolici per esempio nei temi della bambina che si perde nel bosco, della nonna-lupo, della sconfitta delle morte con la ‘resurrezione’ dell’essere umano divorato.

In occasione del bicentenario della pubblicazione delle ‘Fiabe’ dei fratelli Grimm (1812), la Provincia di Genova promuove ed ospita, giovedì 18 ottobre alle 17 presso la sala del Consiglio provinciale (largo Lanfanco, 1) un’iniziativa ideata dal Lyceum Club di Genova, la conferenza ‘Il simbolismo della fiaba’.

Presieduto dal Commissario straordinario della Provincia Piero Fossati, l’incontro vedrà gli interventi di Maria Galasso, docente e scrittrice di fiabe, e di Elisabetta di Palo, criminologa, che analizzerà sotto un profilo inedito, quello appunto criminologico, alcune celeberrime fiabe: nel caso di Cappuccetto rosso, in particolare, affronterà l’errore della madre della bambina, che lascia
andare la figlia sola nel bosco, e i due omicidi commessi dal lupo cattivo, quello della nonna prima e quello di Cappucetto rosso poi.

La conferenza sarà moderata da Clara Rubbi, docente, critica e anch’essa
scrittrice di fiabe. Presente anche Franco Cirio, presidente del Comitato regionale Unicef della Liguria.

Più informazioni