Economia

“Fare la spesa ai tempi della crisi”, parte il progetto in bassa Valbisagno: sconti per i pensionati

carrello supermercato spesa

Valbisagno. “Fare la spesa ai tempi della crisi” è il titolo del progetto dedicato ai pensionati della bassa Valbisagno. A partire dal mese di novembre i pensionati e le pensionate di corso Sardegna potranno usufruire dei benefici della sperimentazione che il Sindacato Pensionati CGIL Bassa Valbisagno e il Centro Integrato di Via (CIV) di corso Sardegna hanno convenuto di effettuare per favorire gli acquisti in zona.

Presso i negozi di c.so Sardegna che aderiranno all’iniziativa saranno affissi cartelli che settimanalmente proporranno prodotti o servizi in promozione. Si tratta di un progetto ambizioso che contiene molte opportunità sociali ed economiche. I negozianti infatti, in accordo con lo SPI CGIL, proporranno prodotti di buona qualità (non sottomarche) in un rapporto solidale e personalizzato con i clienti; non solo prodotti alimentari e di gastronomia ma anche servizi alla persona (parrucchiere, estetista) o elettrodomestici ed altro.

Le finalità del progetto sono essenzialmente due: rilanciare l’economia in un quartiere che a seguito dell’alluvione dello scorso anno è stato definito “zona rossa” (territorio peraltro già fortemente penalizzato dal trasferimento del mercato ortofrutticolo) e mettere in moto un processo virtuoso con il quale far rivivere le buone pratiche dei negozi di vicinato e le buone antiche relazioni del quartiere che spesso andavano oltre il gesto dell’acquisto e della vendita.

Ai partecipanti verrà somministrato un piccolo questionario con tre domande sulla validità e qualità dei prodotti e servizi offerti, se la formula ha in qualche modo inciso positivamente sul bilancio famigliare e se si ritiene utile ripetere l’iniziativa nel 2013.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.