Quantcast

Epilessia, approvato in consiglio regionale un ordine del giorno su istruzioni ai farmacisti

Genova. Questa mattina in Consiglio regionale è stato approvato all’unanimità un ordine del giorno, presentato dal Consigliere della Lista Biasotti Aldo Siri in cui si impegna l’Assessore alla Sanità Claudio Montaldo a fornire con urgenza istruzioni in merito al comportamento da seguire da parte dei farmacisti nel caso pervengano loro ricette relative a farmaci contenenti Topiramato e Levetiracetam impiegati per la cura dell’epilessia.

“ L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) – esordisce Siri – in occasione dell’ultimo aggiornamento delle liste di trasparenza dei farmaci equivalenti del 17 settembre 2012 ha pubblicato sul suo sito un comunicato relativo all’inserimento in tali liste dei farmaci contenenti Topiramato e Levetiracetam. In particolare con questo comunicato l’AIFA rivolge una raccomandazione alle autorità sanitarie affinché, nei casi in cui il medico apponga la clausola di non sostituibilità ai medicinali di base non venga posta a carico del paziente la differenza di prezzo fra il prezzo più basso e quello prescritto, differenza che nel caso dei farmaci in questione si aggira intorno ai 50 €.

Nel caso di pazienti affetti da epilessia – continua Siri – occorre precisare che, una volta individuata la terapia giusta, è fortemente sconsigliato cambiarla. Il che significa che un epilettico, se non vuole rischiare pericolose complicanze, deve continuare ad acquistare il farmaco di base, pagando a sue spese il sovraprezzo. Per questo è quanto mai opportuno che l’Assessore faccia chiarezza in merito, e fornisca le istruzione cui si dovranno attenere i farmacisti anche al fine di prevenire possibili contestazioni tra costoro ed i pazienti nel momento in cui viene consegnato in farmacia il medicinale prescritto e, soprattutto, di tutelare e difendere i diritti dei malati, che stando così le cose, si vedono costretti a scegliere se spendere meno, cambiando a loro rischio la terapia, oppure continuare la terapia giusta, accollandosi una spesa non indifferente di ben 50 €.

Ho apprezzato – conclude Siri – che l’ordine del giorno sia stato firmato sia dagli esponenti della maggioranza che della minoranza e mi ha fatto ancora più piacere il fatto che a margine delle seduta consigliare l’Assessore Montaldo mi ha assicurato che si è già attivato a redigere la delibera in cui viene recepito quanto riportato dalla comunicazione dell’AIFA e vengono, quindi, date le giuste direttive a tutti i farmacisti”