Quantcast
Politica

Doria sulla Gronda: “Nessun cambiamento di rotta da parte della Giunta, sì al confronto dopo l’esito della Via”

Genova. “Non c’è alcun mutamento negli indirizzi programmatici miei e della giunta sulla questione gronda. L’invio alla Regione di osservazioni tecniche elaborate e trasmesse dagli uffici comunali in riferimento alla controdeduzioni della Società Autostrade si inserisce nel procedimento di Valutazione di impatto ambientale e ne rispetta tempi e modalità. La giunta, nella riunione di ieri, ha raccolto l’informazione degli uffici senza nulla innovare a proposito del percorso previsto per le scelte politico-amministrative di fondo sull’opera”.

Il sindaco di Genova Marco Doria interviene sulla questione Gronda, dopo la notizia che ieri in Giunta sono stati sentiti i tecnici del Comune che stanno elaborando le loro osservazioni tecnici nell’ambito della procedura di valutazione di impatto ambientale dell’opera.

“Il sindaco e la giunta – ha aggiunto Doria – restano coerenti con quanto contenuto nel programma elettorale e con le linee programmatiche del sindaco che ho recentemente esposto e consegnato in testo scritto al consiglio comunale. In quella stessa occasione, peraltro, il provvedimento tecnico dell’esame delle controdeduzioni era già stato esplicitamente annunciato”.

Nelle linee programmatiche il sindaco ha scritto, testalmente che “Permangono valutazioni diverse in merito al rapporto tra i benefici che deriveranno dalla realizzazione dell’opera e i costi sociali e ambientali che la comunità dovrà sostenere. Ciò induce a ritenere opportuno, parallelamente al percorso ed entro i termini previsti per l’esito della VIA, l’avvio di un confronto di approfondimento finalizzato a decidere l’orientamento del Comune di Genova in sede di futura Conferenza dei servizi”.

Ma questa discussione, in realtà potrebbe essere anticipata già al termine dell’esito della procedura di Via. Se arrivasse il no all’opera da parte del Ministero dell’Ambiente, la discussione sarabbe superflua, dice in sostanza il primo cittadino. Se invece, come probabilmente, accadrà, la procedura avrà esito positivo, allora si apriranno la discussione e il confronto.