Quantcast
Cronaca

Da Chiavari si allarga la rete dei comitati “Salva Tribunale”

Chiavari. I Comitati Salva Tribunale, primo fra tutti quello chiavarese, hanno solidarizzato per quanto riguarda il tentativo di rimettere in discussione il provvedimento sciagurato che ha travolto anche i 6 Tribunali che erano rispettosi dei parametri della Legge Delega : Chiavari , Bassano Pinerolo,Tolmezzo, Rossano, Lucera .

Nella battaglia politica non sono rimasti soli; l’Organismo Unitario dell’Avvocatura ha presenziato ed è intervenuto con il responsabile della Commissione Geografia Giudiziaria Avv. Pozzobon a Chiavari e giovedi scorso lo stesso ha presenziato anche alla manifestazione del Comitato di Pinerolo.
A quest’ultima manifestazione erano presenti e sono intervenuti il Presidente dell’OUA Prof. Avv Maurizio De Tilla e l’Avv. Marciante che hanno preso la parola sia nella sessione mattutina davanti ai Colleghi ed ai Magistrati nelle aule del Tribunale di Pinerolo, sia il pomeriggio nella manifestazione pubblica in Piazza De Facta a Pinerolo.

In tali interventi è stata evidenziata la volontà da una parte di proseguire il dialogo con il Ministro che riguarda anche ulteriori problemi squisitamente dell’avvocatura, senza però dimenticare che l’Organismo quale organo politico deve supportare le istanze dell’avvocatura soprattutto quando le stesse coincidono con i diritti dei cittadini.

A tutte le manifestazioni e gli incontri, compresa quella prossima che si terrà a Bassano, è intervenuto ed interverrà anche il delegato del distretto della Corte d’Appello di Genova all’OUA Avv. Marco Delucchi Baroni il quale riportato di un interessante incontro a margine della riunione pinerolese con i parlamentari piemontesi che hanno apprezzato la solidarietà tra gli avvocati ed i magistrati dei sei fori anzidetti ed hanno promesso di prodigarsi nella commissione giustizia perché l’emendamento finalizzato a vanificare gli effetti del provvedimento di soppressione sia condiviso e possa quindi trovare un voto favorevole, così adeguandosi al parere già espresso da entrambe le commissioni giustizia delle Camere, e più specificatamente quella della Camera dei Deputati.

Venerdì, come preannunciato a Pinerolo, e stato depositato il primo ricorso al Tribunale Amministrativo della Sardegna con cui si chiede l’intervento del Giudice Amministrativo per sospendere l’esecutorietà di uno dei primi provvedimenti emessi dal Tribunale accorpante di Tempio Pausania nei confronti della soppressa sezione distaccata di Olbia, insistendo altresì per il rinvio alla Corte Costituzionale.
Ha spiegato il Presidente De Tilla altri ricorsi seguiranno anche in sede europea e nessuna strada rimarrà impercorsa ,nessun Tribunale sarà abbandonato a fronte di un provvedimento assunto frettolosamente nella illusione del Governo che questi provvedimenti potessero essere apprezzati in ambito europeo seppure privi di una valenza quale intervento di spending review .

Il 23 p.v. è la data fissata per la prossima astensione dalla udienze, come già da tempo deliberato dall’Organismo Unitario dell’Avvocatura. A Roma e’ prevista una manifestazione . Noi chiavaresi avvocati ,magistrati , consiglio dell’ordine ,comitato ed il personale amministrativo, confortato da tutti i sindacati , afferma Delucchi Baroni ,tutti siamo mobilitati . Occorre far presto prima che si definiscano le piante organiche che sono la premessa per il trasferimento dei magistrati anche contro la volonta’ , volonta’degli stessi ribadita nelle accorate difese dei tribunali che essi stessi sostengono sensibili alle esigenze di un servizio che e’ un diritto dei cittadini che perdipiu’ pagano e che loro costituzionalmente compete.

Non e’ con tali provvedimenti che si rende competitivo il paese eliminando efficenze oggettive e sprecando strutture ultimate e non riutilizzabili .Il Parlamento deve avere un moto di orgoglio fare il suo dovere e non farsi delegittimare in spregio alla stessa delega ed ai criteri che ne sono conseguiti.