Quantcast
Cronaca

Costa Concordia: praticamente conclusa la fase di messa in sicurezza della nave

costa concordia

Il presidente dell’Osservatorio sulla Costa Concordia, Maria Sargentini, d’ intesa con il capo del dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, comunica che è sostanzialmente conclusa la fase strutturale di messa in sicurezza della nave.

”Resta da completare – precisa Sargentini – la tensionatura dei cavi, interrotta da venerd pomeriggio a causa delle condizioni meteomarine avverse. Per gli stessi motivi sono state sospese le attività in corso per le perforazioni di grande
diametro”.

Nella nota si spiega anche che ”tali informazioni, rilevate direttamente dall’Osservatorio del quale fa parte anche il Comune di Isola del Giglio, sono state comunicate a tutti i partecipanti nel corso della riunione dell’organismo che si è tenuta venerdì scorso, 26 ottobre”.

E Sargentini puntualizza: ”Ricordo che il ritardo nella conclusione della fase di messa in sicurezza non incide sul cronoprogramma complessivo. Infatti
le attività lato mare sono, com’è noto, iniziate”.

L’Osservatorio comunica, inoltre, di aver autorizzato proprio venerdì l’avvio dei lavori per la fase di ‘grout bags’ (cioè il posizionamento dei materassi di cemento sotto il relitto) e che, nel corso della stessa riunione, Costa ha informato su possibili misure di accelerazione di alcune fasi dei lavori, rispetto alle quali sono in corso, con il consorzio Titan Micoperi, le necessarie verifiche di fattibilità Tali misure sono state definite, anche su richiesta dell’Osservatorio, per garantire i tempi previsti anche nell’eventualità di ulteriori possibili
significativi fermi per condizioni estranee alla volontà degli operatori.

L’Osservatorio ricorda infine che, a fronte della complessità delle attività di recupero e all’unicità dell’operazione, in mancanza di precedenti analoghi ”E’ comunque necessario garantire contestualmente alla massima celerità una
pari attenzione alla tutela degli operatori in termini di sicurezza e quella delle comunità,dell’ambiente e del territorio”.

”Il programma di attuazione dei lavori – conclude Sargentini – viene costantemente verificato in relazione anche allo sviluppo dei progetti. Ove, sulla base delle verifiche sulla coerenza tra cronoprogramma e avanzamento dei lavori e dei progetti, si evidenziasse un possibile dilazionamento dei tempi,
ne sarà data tempestiva comunicazione”.