Politica

Caso Fusco e coinvolgimento di altri esponenti di giunta, Burlando risponde a Melgrati e Rosso: “Massima disponibilità”

burlando fusco

Regione. “In relazione alla legittima richiesta dei consiglieri regionali del PdL Marco Melgrati e Matteo Rosso di riferire in Consiglio su fatti che, secondo le odierne anticipazioni di stampa, hanno riguardato la procedura della gara d’appalto per la fornitura e la gestione del ponte provvisorio sul fiume Magra, in sostituzione di quello della Colombiera andato distrutto durante l’alluvione del 2011, voglio assicurare la mia massima disponibilità a fornire tutti i chiarimenti che si renderanno necessari al Consiglio stesso e alla pubblica opinione”. Così il presidente della Regione, Claudio Burlando risponde ai consiglieri del Pdl.

“Ritengo infatti doveroso rendere noti tutti i dettagli di un investimento di risorse fatto nell’interesse pubblico che ho disposto in qualità di Commissario straordinario per il superamento dell’emergenza degli eventi alluvionali dell’anno scorso – prosegue – Ho già dato la mia disponibilità al presidente Monteleone, ove il Consiglio lo ritenesse opportuno, a riferire in aula già da mercoledì 31 ottobre, per consentirmi di non cancellare la mia partecipazione ai funerali del Caporale Chierotti di martedì mattina a Arma di Taggia”.

“La possibile seduta sarà anche l’occasione in cui ogni membro del Consiglio e della Giunta potrà riferire a sua volta sul proprio operato, considerato che l’intento comune non può che essere la difesa della dignità dell’Ente e la rimozione di ogni possibile imbarazzo di fronte ai cittadini liguri, così come auspicato dai consiglieri Melgrati e Rosso”, conclude il governatore.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.