Quantcast
Cronaca

Borzoli, sì al trasferimento temporaneo della Derrick, Bruno: “Nella zona la sicurezza è a rischio, servono limiti più seri”

Genova. Dalle istituzioni arriva l’ok per il trasferimento temporaneo del deposito di stoccaggio della Derrick dall’attuale sede di via Borzoli in zona aeroportuale, ex caserme aeronautica militare.

Il consenso al trasferimento è arrivato ieri pomeriggio, durante l’incontro tra il vicesindaco di Genova Stefano Bernini, Regione Liguria, Aeroporto di Genova, Enac, Derrick srl e Cociv per esaminare la proposta avanzata dal Comune.

Il trasferimento è urgente per liberare via Borzoli dal transito e dall’intasamento del traffico causato dai tir. La situazione si era resa negli ultimi tempi esasperante per gli abitanti della zona. L’intera zona soffre da anni per il traffico pesante. Il sindaco Marco Doria aveva ribadito che per evitare il grande flusso di autoarticolati fosse necessario collocare in altro sito il deposito Derrick, salvaguardandone l’attività e l’occupazione.

“Ma questo trasferimento avverrà, se va bene, l’anno prossimo, tra non so quanti mesi, noi invece avevamo chiesto che si intervenisse a ridurre il traffico già adesso – afferma Antonio Bruno, capogruppo Fds in consiglio comunale – la notizia è comunque positiva, perchè in quella zona c’è un problema di sicurezza per via del transito di quei mezzi pesanti in quelle stradine, occorre intervenire a mettere dei limiti già adesso”.

Secondo il progetto l’impianto tornerà nella propria sede soltanto dopo la realizzazione, ad opera del Cociv, della nuova galleria degli Erzelli quando i mezzi pesanti potranno percorrere il tunnel senza gravare sulla viabilità ordinaria.

Nel corso della riunione è emersa la disponibilità a questa soluzione da parte di Aeroporto di Genova e Enac ed è stato subito effettuato un sopralluogo sull’area interessata. Entro la settimana verrà studiato un piano di fattibilità per la decisione definitiva.

Il progetto, una volta approvato da Enac, dovrà dar luogo ad una convenzione con le aziende coinvolte, Cociv e Derrick. Nel frattempo il Comune espleterà in tempi rapidi le pratiche relative alle autorizzazioni per la demolizione dei manufatti esistenti e la predisposizione dell’area.

L’amministrazione comunale è impegnata a ridurre al minimo i tempi del trasferimento. Tuttavia, per l’inevitabile fase transitoria, è pronta a discutere con i Municipi Medio Ponente e Valpolcevera e con gli abitanti della zona tutte le misure tecniche, da verificarsi con i servizi comunali, volte ad alleviare i disagi e i pericoli provocati dal traffico continuo di mezzi pesanti.