Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione, tra custodie cautelari e avvisi di garanzia cominciano le esercitazioni nelle scuole

Genova. Sono 18 le scuole comunali situate in zone considerate a rischio esondazione, impegnate nelle quattro giornate della prima tranche di prove d’allertamento e di esercitazioni d’emergenza.

La prima giornata si è svolta lunedì 22 ottobre nelle scuole per l’infanzia San Fruttuoso in Piazza Manzoni e Tollot Orientale in Via Ricci. La seconda si è svolta oggi, 23 ottobre, in altre cinque scuole. La terza e la quarta sono in programma per domani, 24 ottobre, in altre sei suole e per giovedì 25 ottobre nelle rimanenti cinque scuole.

L’esercitazione in ogni sede si svolge alla presenza della responsabile territoriale e di un membro dell’Unità di crisi della direzione Politiche Educative. La prova prende il via da una comunicazione di allerta diramata dagli uffici della direzione Politiche Educative. Quindi, vengono simulate le diverse fasi dell’emergenza: dalla prima comunicazione di allerta, all’evento incorso, alla comunicazione di cessato evento, alla comunicazione di termine di allerta.

In queste fasi le principali azioni che devono essere simulate sono le seguenti: nella fase di allerta la verifica degli accessi e la collocazione ai piani superiori del pasto scorta, nella fase di evento in corso la disabilitazione degli impianti di elettricità e del gas e il trasferimento ai piani superiori dei bambini e degli adulti presenti nella sede fino alla comunicazione di cessazione dell’evento.

L’esito della prima esercitazione nelle scuole per l’infanzia San Fruttuoso e Tollot Orientale è stato positivo. Il personale ha saputo comportarsi in maniera adeguata e con responsabilità. I bambini sono rimasti tranquilli e ben condotti dalle insegnanti. I genitori sono stati informati tramite un cartello esposto la mattina dell’esercitazione.
Completato questo primo ciclo di esercitazioni, si proseguirà con una simulazione in tutte le restanti 67 strutture, sedi di nidi e scuole dell’infanzia a gestione diretta del Comune.